Grande Reset: Bergoglio vuole scomunicare l’ex nunzio apostolico Carlo Maria Viganò

Vox
Condividi!

Il Dicastero per la Dottrina della Fede ha annunciato di citare in giudizio monsignor Carlo Maria Viganò, ex Nunzio negli Stati Uniti d’America¹. L’accusa è quella di “negazione degli elementi necessari per mantenere la comunione con la Chiesa cattolica”¹. Questo si riferisce specificamente alla “negazione della legittimità di Papa Francesco, rottura della comunione con Lui e rifiuto del Concilio Vaticano II”¹.

Si tratta di un processo penale extragiudiziale¹. Viganò avrebbe dovuto presentarsi nel pomeriggio di oggi in Vaticano o nominare un suo difensore¹. L’annuncio arriva direttamente dal Dicastero per la Dottrina della Fede¹.

Monsignor Viganò è noto per le sue critiche a Papa Francesco. In passato, lo ha accusato di aver insabbiato le denunce di abusi sessuali contro il cardinale Theodore McCarrick².

Monsignor Carlo Maria Viganò ha espresso forti critiche sul Grande Reset. Secondo lui, il Grande Reset è uno strumento tramite il quale l’élite globalista intende modificare sostanzialmente le dinamiche economiche, lavorative, sociali e religiose degli Stati¹. Ha descritto il Grande Reset come un’espressione del male e un atto di interferenza invasiva di potentati finanziari¹.

Vox

Viganò sostiene che il Grande Reset mira a trasformare la società globale in una massa di persone alle quali vengono negati o razionati col ricatto i diritti naturali, civili e religiosi¹. Ha citato vari esempi di come questo potrebbe essere attuato, tra cui il controllo totale sulle azioni delle persone tramite app di tracciamento, l’obbligo della moneta elettronica e del voto elettronico, la drastica riduzione del costo del lavoro tramite la cancellazione della piccola e media impresa e l’impoverimento delle classi più deboli¹.

Inoltre, Viganò ha affermato che il Grande Reset ha come scopo la diminuzione della popolazione mondiale, ottenuta con politiche di controllo delle nascite, incentivazione dell’aborto, dell’eutanasia e del cambio di sesso, omosessualizzazione dei giovani e sterminio programmato tramite l’uso di farmaci e di alimenti dannosi per la salute¹.

Ha anche espresso preoccupazione per l’imposizione di una dittatura sanitaria finalizzata all’imposizione di misure liberticide, nascoste dietro allettanti promesse di assicurare un reddito universale e di cancellare il debito dei singoli³.

(1) “È accusato di scisma”. Bufera sull’ex nunzio apostolico Carlo Maria Viganò. https://www.ilgiornale.it/news/nazionale/accusato-scisma-citato-monsignor-vigan-2337024.html.
(2) Parte dalla Palanzana lo “scisma” nella chiesa, l’arcivescovo anti …. https://www.viterbotoday.it/attualita/scisma-chiesa-bergoglio-vigano-eremo-palanzana-23-gennaio-2024.html.




Un pensiero su “Grande Reset: Bergoglio vuole scomunicare l’ex nunzio apostolico Carlo Maria Viganò”

  1. interessante, ma monsignor Vigano’ ha ragione :

    1)Benedetto XVInon ha mai rinunciato al Munus, ma solo al Ministerium

    2) Benedetto ha detto di dimettersi alle ore 20.00 del 28 febbraio 2013, il conclave per eleggere il falso papa è stato chiamato alle 10,30 di mattina dello stesso giorno ( vado a naso!), avrebbero dovuto aspettare che le false dimissioni avvenissero secondo i tempi giusti

    le posizioni di Bergolio sono assolutamente eretiche
    nel nuovo e vecchio testamento cè la ferma condanna alla omosessualità
    sono peccatori che non vogliono rinunciare alla loro essenza di peccatori, cosi come satana non rinuncia la suo odio eterno contro Dio per cui tutti loro nessuno escluso potranno mai essere perdonati ed entrare nella grazia di Dio

    possiamo dire qui dentro tra il serio e il faceto ma siti ricchioni di merda, una pontefice, che sia tale dovrebbe strillare ai 4 venti l’avversione a tale stato di peccato continuo ed incessante, che quindi ad un finocchio non va consigliato di non farsi prete, ma gli deve essere vietato, in maniera ferma e decisa
    Nel vecchio testamento come nel nuovo, Levitico II lontani da me voi che siete VOMITO ai miei occhi
    lettera di San paolo ai Romani ( alla fine si dice parola di Dio non di San Paolo) condanna la sodomia e tutti coloro che approvano o che non approvando tacciono……

    Lutero per le visoni della beata suo Serafina Micheli sta all inferno eppure sto tipo è andato in Svezia anni fa per i festeggiamenti dei 700 anni della sua nascita ( o morte na roba cosi)

    Bergoglio è l’amministratore del condominio detto vaticano, questo si, altro direi proprio di no

I commenti sono chiusi.