Khan, procuratore Corte penale internazionale che vuole arrestare gli ebrei è immigrato islamico

Vox
Condividi!

Il “disgustoso” paragone che il procuratore della Corte Penale Internazionale fa tra Israele e Hamas è un esempio “del nuovo antisemitismo” che va dai campus universitari all’Aja. E’ quanto afferma Benjamin Netanyahu in video in cui rigetta come “assurda e falsa” la richiesta di mandato di arresto contro di lui, e il ministro della Difesa Yoav Gallant, insieme a tre leader di Hamas, avanzata oggi dal capo procuratore Karim Khan.

“Come osa paragonare i mostri di Hamas ai soldati dell’Idf, l’esercito più morale del mondo ? – prosegue il premier israeliano – Con quale spudoratezza fai un paragone tra Hamas che assassina, brucia, macella, violenta e rapisce i nostri fratelli e sorelle e i soldati dell’Idf che combattono una guerra giusta che non ha paralleli, con una moralità che non ha pari?”. Netanyahu conclude promettendo che il “tentativo della Cpi di legarci le mani fallirà” che nessun foro internazionale “ci impedirà di colpire quelli che vogliono la nostra distruzione” fino alla “vittoria totale” su Hamas.

Le associazioni ebraiche che nei decenni hanno favorito l’immigrazione di massa in Europa, ora si ritrovano con un ‘britannico’ di religione islamica che vuole arrestare un ebreo che combatte contro i terroristi islamici.

Karim Asad Ahmad Khan, il procuratore dell’Aja, è infatti di religione islamica¹.

Karim Asad Ahmad Khan, nato il 30 marzo 1970, è un avvocato britannico specializzato in diritto penale internazionale e diritti umani¹. Ha assunto l’incarico di Procuratore della Corte Penale Internazionale (ICC) nel 2021¹².

Vox

## Educazione e Carriera Iniziale
Khan ha studiato alla Silcoates School nel West Yorkshire e ha conseguito una laurea in giurisprudenza (LLB) e AKC presso il King’s College di Londra¹. È stato ammesso al Bar of England and Wales dal Lincoln’s Inn nel 1992¹. Successivamente, ha frequentato il Wolfson College presso l’Università di Oxford, studiando per un DPhil in legge, anche se non ha completato il corso e non detiene un dottorato¹. Tra il 1993 e il 1996, Khan è stato un procuratore della Corona presso il Crown Prosecution Service of England and Wales¹.

## Carriera nel Diritto Internazionale
Tra il 1997 e il 1998, Khan ha lavorato come Ufficiale Legale presso l’Ufficio del Procuratore presso il Tribunale Penale Internazionale per l’ex Jugoslavia (ICTY). Successivamente, ha prestato servizio come Consigliere Legale presso l’Ufficio del Procuratore presso il Tribunale Penale Internazionale per il Ruanda (ICTR) fino al 2000¹. Tra il 2006 e il 2007, Khan è stato l’avvocato difensore principale dell’ex Presidente della Liberia Charles Taylor davanti al Tribunale Speciale per la Sierra Leone (SCSL)¹.

Khan ha trascorso diversi anni impegnato in casi di primo piano presso la Corte Penale Internazionale (ICC), il Tribunale Penale Internazionale per l’ex Jugoslavia, il Tribunale Penale Internazionale per il Ruanda, le Camere Straordinarie nei Tribunali della Cambogia (ECCC), e il Tribunale Speciale per il Libano (STL)¹.

Nel 2021, Khan è stato eletto procuratore capo della Corte Penale Internazionale (ICC)¹². Dopo la sua nomina da parte del Segretario Generale delle Nazioni Unite, António Guterres, ha prestato servizio come Assistente Segretario Generale delle Nazioni Unite e ha agito come Consigliere Speciale e Capo del Team Investigativo delle Nazioni Unite per promuovere la responsabilità per i crimini commessi da Daesh/ISIL in Iraq (UNITAD), che è stato istituito in conformità con la risoluzione del Consiglio di Sicurezza 2379 (2017) per sostenere gli sforzi nazionali per rendere ISIL (Daesh) responsabile per atti che possono costituire crimini di guerra, genocidio e crimini contro l’umanità in Iraq¹².

## Altre Attività
Khan è un Bencher del Lincoln’s Inn ed è stato nominato Recorder of the Crown Court nel 2018². È stato eletto come secondo Presidente dell’ICC Bar Association nel luglio 2017 ed è un ambasciatore mondiale dell’African Bar Association². Ha pubblicato una serie di testi di riferimento sul diritto penale internazionale ed è coautore di ‘Archbold International Criminal Courts’, ora nella sua quinta edizione negli Stati Uniti².

(1) Karim Ahmad Khan – Wikipedia. https://en.wikipedia.org/wiki/Karim_Ahmad_Khan.
(2) Karim A. A. Khan KC | International Criminal Court. https://www.icc-cpi.int/about/otp/who-s-who/karim-khan.
(3) Karim Ahmad Khan – Wikipedia. https://it.wikipedia.org/wiki/Karim_Ahmad_Khan.