Volontario onlus è pedofilo recidivo, alla stazione di Milano a caccia di bambini ucraini: “Castratemi”

Condividi!

Si moltiplicano i casi di ‘volontari’ che in realtà sono pedofili o puttanieri a caccia. Questo è un caso veramente particolare.

Non è mai riuscito a smettere. Non sono bastati gli arresti, il carcere, le due condanne, la comunità e il percorso riabilitativo per “sex offender“ al Cipm di via Correggio del professor Paolo Guglielmo Giulini, criminilogo e docente all’Università Cattolica, al quale si è volontariamente sottoposto. Il ventottenne G.V. si è rimesso ancora una volta i panni del predatore seriale di minorenni, colpendo almeno in due occasioni. Giovedì pomeriggio, a valle di un’inchiesta estremamente delicata, gli agenti della polizia lo hanno bloccato nei pressi della Stazione Centrale: si trovava nell’area allestita in queste settimane per l’accoglienza dei profughi in fuga dalla guerra in Ucraina. A casa, in una zona semicentrale della città, è scattata invece la perquisizione.​ All’interno della memoria del personal computer sono stati ritrovati più di 1.800 file audio e video per un ammontare complessivo di circa 10,3 gigabyte di materiale pedopornografico.

VERIFICA LA NOTIZIA

Le indagini, coordinate dal pubblico ministero Francesca Gentilini, sono riuscite a ricostruire diversi episodi di abusi sessuali nei confronti di bambini: spacciandosi per baby sitter, stando a quanto risulta, il ventottenne, i cui primi precedenti specifici risalgono al 2014 – quando aveva adescato e filmato una bambina di sette anni nel parco di largo Marinai d’Italia – sarebbe riuscito a entrare in contatto con dei minori nonostante il regime di sorveglianza speciale al quale era sottoposto gli vietasse espressamente di allontanarsi dal luogo del soggiorno obbligato senza l’autorizzazione del giudice, e soprattutto di tenersi ad almeno un chilometro di distanza da luoghi abitualmente frequentati da bambini come scuole, parchi e impianti sportivi.

Obblighi, questi ultimi, che avrebbe violato almeno dieci volte a Milano – e in due Comuni dell’hinterland – tra la fine del 2021 e i primi due mesi del 2022, recandosi davanti a un istituto comprensivo in compagnia di due bambine e nell’abitazione di un’altra minorenne.

G.V. difeso dagli avvocati Roberto Grittini e Ylenia Sorbo di Abbiategrasso, è stato quindi arrestato in flagrante sia per la violazione della sorveglianza speciale sia per il materiale ritrovato nel suo computer; nella richiesta di convalida del provvedimento, con contestuale richiesta di applicazione della custodia cautelare in carcere, il pm ha richiamato anche i presunti abusi compiuti dal ventottenne, che sarebbero avvenuti in un caso nel febbraio scorso e nell’altro tra il gennaio e il giugno del 2018. Ieri l’uomo è finito davanti al giudice per l’interrogatorio. Al quale ha rilasciato delle dichiarazioni spontanee.

Il giovane avrebbe riconosciuto di essere “malato”, invocando la “castrazione chimica”. L’arresto è stato convalidato e G.V. è finito in isolamento a San Vittore. Gli accertamenti investigativi portati avanti negli ultimi mesi hanno fatto emergere una vera e propria galleria degli orrori: G.V. è riuscito a convincere i genitori dei minori, evidentemente all’oscuro del suo inequivocabile passato, ad affidargli i figli, sfruttando una diabolica abilità nell’indossare la maschera della persona perbene. Basti dire che una volta riuscì a inserirsi come volontario in una onlus che si occupa di assistenza ai rom nei campi nomadi. Rischia ora una condanna fino a 14 anni di reclusione – al netto dell’eventuale riconoscimento della semi infermità mentale – che potrebbero salire a 20 con l’aggravante delle recidive. Già, perché oltre all’episodio del 2014 c’è quello di quattro anni dopo, nel 2018, quando venne sorpreso dagli agenti del commissariato Villa San Giovanni al parco Trotter di via Padova in compagnia di due minorenni.

Un po’ troppi bus con strani personaggi dall’Europa occidentale all’Ucraina e ritorno. Non tutti lo fanno per soldi, alcuni anche per altro.

VERIFICA LA NOTIZIA
E’ emergenza pedofili e puttanieri che vanno a cacci delle profughe ucraine e dei loro figli sia lungo il confine tra l’Ucraina e i Paesi Ue che una volta arrivati in Europa occidentale, ad esempio si segnalano molteplici casi alla stazione di Berlino con presunti volontari che vanno a cacci di profughe ucraine da portarsi a casa. Le cronache non indicano l’etnia di questi personaggi, ma non è difficile immagine, viste le cronache.

L’Ong di Casarini organizza carovane di ucraini verso l’Italia: “160 euro a testa per raggiungere l’Italia”

Per questo è ancora più folle quanto sta accadendo. Perché sta mettendo a rischio vittime vere che, invece, dovrebbero rimanere il più vicine possibile a casa. E non essere sottoposte a lunghi e quindi pericolosi viaggi verso Italia o Germania perché i radical chic vogliono sentirsi buoni o perché ogni ucraino ha in tasca un ‘rimborso spese’ di 10mila euro più 900 euro al mese per la casa.

Senza contare finti profughi e veri clandestini che, come avviene da anni, rapiscono bambini non loro da usare come scudi umani.

In Germania è allarme alle stazioni:

German police are warning female refugees arriving from Ukraine via train to stay vigilant after receiving several reports of men harassing or luring young women upon arrival at Berlin Central Station.

Women arriving at Hauptbahnhof station alone or with young children have been approached by men offering rides or a place to stay, According to German public news outlet Deutsche Welle.

Some men reportedly posed as volunteers, capitalizing on the chaos of thousands of refugees arriving at once.

The men tend to be “conspicuous” and legitimate volunteers have been instructed to keep an eye out, a federal police spokesman told the outlet.

He added that the department had seen no evidence that kidnapping, sexual assault or human trafficking had actually been carried out.

In one complaint, a woman said a man tried to lure her with aid upon arrival at the train station, police said.

Immaginatevi tutti quei direttori della Caritas che in questi anni si sono dovuti accontentare di ospitare giovani maschi africani. Per loro è il paradiso.




3 pensieri su “Volontario onlus è pedofilo recidivo, alla stazione di Milano a caccia di bambini ucraini: “Castratemi””

  1. Meno male che non siamo in Islanda. Tale Aaron Isak (che è neBro anche se il nome meriterebbe qualche approfondimento) è stato riconosciuto colpevole di violenza sessuale contro 3 ragazzini di 12 anni, ma non finirà in galera perchè il giudice ha stabilito che non sia la miglior cosa da fare nel suo interesse. Honk honk!

    1. Qui mil-ano va decisamente arata, in genere i pedofili vanno castrati e usati come puntali x abeti.
      Quindi tutta l’africa.E rastrellamenti mondiali.

  2. Scienziati,criminologi,psicologi….Una buona pallottola piantata in testa pone rimedio a tutto.Certamente finiranno immediatamente,e in modo perpetuo,gli abusi a danno di minori.

I commenti sono chiusi.