E’ guerra razziale in Lombardia: donna accoltellata sotto casa da branco immigrati di seconda generazione

Condividi!
VERIFICA LA NOTIZIA

Accoltellata e rapinata da quattro giovani mentre rientrava a casa nella tarda sera di ieri, una donna di 60 anni residente nel bresciano.

Accoltellata e rapinata in strada da quattro giovani nella tarda sera di ieri, una donna di 60 anni residente a Pisogne, in provincia di Brescia. L’hanno aggredita alle spalle mentre rientrava a casa, minacciandola con dei coltelli per portarle via la borsa, il cellulare e poi fuggire via. La donna ha provato a divincolarsi e opporre resistenza per difendersi, trovando la lama di un coltello che le ha ferito una mano. Sul posto sono intervenute cinque pattuglie dei carabinieri di Breno e un’ambulanza che l’ha portata all’ospedale di Lovere, dove è stata dimessa in nottata con prognosi di 10 giorni. Dopo un paio d’ore, i militari sono riusciti a identificare i quattro presunti responsabili, di cui tre minorenni, tutti residenti in basssa Valdmonica.

Uno dei tre è stato trovato in possesso di parte della refurtiva e di un coltello ed è stato poi arrestato in flagranza di reato. Anche lui, come i suoi tre presunti complici, dovrà rispondere del reato di rapina aggravata in concorso. Ritrovato anche un secondo coltello da cucina di oltre 30 cm abbandonato sulla strada in una via non lontana dal luogo in cui è avvenuta la rapina. I carabinieri stanno proseguendo le indagini visionando le immagini di alcune telecamere presenti in zona.

Così i media nazionali di regime. Per scoprire che si tratta di immigrati si deve ricorrere ai giornali locali:

Sono stati individuati nella notte dai Carabinieri di Breno i quattro ragazzi, tre minorenni e un maggiorenne da poco, che ieri sera poco prima delle 20 hanno aggredito e ferito con un coltello una 60enne ucraina nel centro di Pisogne.

I ragazzi, di origine nordafricana e che vivono in zona, hanno prima strappato la borsa alla signora e poi l’hanno comunque colpita con un coltello. La donna, per difendersi, ha riportato ferite alle mani giudicate guaribili in dieci giorni. Nella zona non si erano mai registrati altri episodi analoghi. Sia il coltello che la borsa della donna sono stati recuperati dai militari dell’Arma.

E all’archivio di tutti i crimini degli immigrati:

Accoltellata e rapinata sotto casa da 4 figli di immigrati

E’ evidente che la Lombardia è infestata dai figli di immigrati di seconda generazione. Quelli che stuprano in piazza Duomo.

Fontana doveva essere il difensore della razzia bianca, invece dorme con gli involtini in bocca.




Un pensiero su “E’ guerra razziale in Lombardia: donna accoltellata sotto casa da branco immigrati di seconda generazione”

I commenti sono chiusi.