Vaccino, morto infermiere dopo 2 dosi: non aveva ancora gli anticorpi

Condividi!

E’ morto un infermiere di 52 anni a causa del Covid ‘nonostante’ avesse già completato l’iter vaccinale con prima e seconda dose di vaccino.

All’uomo, originario di Pietravaraino (Caserta), era stato ricoverato al Covid Hospital di Maddaloni sempre nel casertano, era stata somministrata la prima dose a metà gennaio e la seconda dopo 21 giorni.

VERIFICA LA NOTIZIA

“Ha iniziato a stare male dopo la somministrazione della prima dose – spiega il direttore dell’Asl di Caserta, Ferdinando Russo – quando è stato ricoverato la prima volta, a inizio febbraio, presentava un quadro di compromissione polmonare importante e dalle analisi radiologiche siamo riusciti a stabilire che aveva contratto il virus da almeno 10 giorni per il grado di polmonite che presentava. Quindi, per tranquillizzare tutti, nessun flop del vaccino: purtroppo, il Covid-19 era già entrato nell’organismo prima che si potessero sviluppare gli anticorpi. Sono numerosi i casi in giro per il mondo di gente ammalata nonostante il vaccino, ma in tutti i casi l’infezione ha anticipato la cura”.

I sospetti che si trattasse di variante inglese sono diventati certezza quando lo sfortunato operatore sanitario è stato sottoposto ad ulteriori analisi. “In queste ore – precisa il direttore Russo – sto leggendo di persone che dopo questo caso si stanno interrogando sull’efficacia del vaccino, vorrei tranquillizzare e precisare che purtroppo l’uomo è stato solo sfortunato perchè ha contratto il Covid tra la prima e la seconda vaccinazione, quindi prima che potesse sviluppare gli anticorpi”.

E’ stato sfortunato.




7 pensieri su “Vaccino, morto infermiere dopo 2 dosi: non aveva ancora gli anticorpi”

  1. Voi medici siete dei sicari di stato, questi sono omicidi in piena regola, chi accetta tutto questo nonostante le evidenze o vuole morire o é un idiota all’ultimo stadio.
    Non é possibile che un essere raziocinante creda a queste stronzate!!!

    1. non solo i medici
      ma anche gli infermieri

      questo prima di vaccinarsi lui
      chissa quanti altri ne ha vaccinato

      in verita non sono dei sicari,
      sono degli idioti

      non a caso nelle regioni a guida leghista
      vi e’ piu alto tasso di vaccinazioni

  2. Michela Foderini 49 anni
    prima dose di vaccino 14 gennaio
    scriveva sul suo diario fb
    e’ lunica arma che ci protegge
    non fa male

    seconda dose 5 febbario
    scriveva sul suo diario
    seconda dose del vaccino fatta

    26 febraio
    sconvolto il mondo del podismo umbro
    questa notte una arresto cardiaco improvviso
    ha provocato la morte di Michela Foderini

    Menomale stavolta non hanno detto che e’ stata una fuga di gas di monossido di carbonio

Lascia un commento