Vogliono un altro governo illegittimo per eleggersi un nuovo popolo e un altro Presidente della Repubblica: non devono passare

Condividi!

E’ passato più di un anno dal colpo di Stato istituzionale che ha portato alla nascita del governo illegittimo che oggi si è finalmente dimesso. Il secondo golpe bianco nel giro di pochi anni. La quarta volta in sei che il Pd andava al governo senza avere vinto le elezioni.

Ma ora, vogliono fare il bis e puntano al Conte ter facendo shopping selvaggio in Senato per dare vita all’ennessimo esecutivo che non ha alcuna legittimità popolare. Il quinto governo PD in sette anni che nasce senza il voto. Un’umiliazione della sovranità popolare.

Qualcuno la definisce prostituzione, in politica, grillini e piddini li chiamano ‘costruttori’.

Sarebbe un governo abusivo – sia perché guidato da un premier non eletto che nel giro di pochi giorni era passato da riunirsi con Salvini alla Boldrini e che ora è pronto a farsi vegano pur di aggregare il nuovo intellettuale della sinistra italiana: Ciampolillo. Sarebbe un governo nato grazie ad un gioco di palazzo, sia perché al Senato si regge sulla compravendita di alcune vacche – e che avrebbe l’unico scopo di portare avanti la destrutturazione etnica dell’Italia importando clandestini e uccidendo italiani.

Senza alcun mandato politico, il PD in questi anni ha scaricato sulle nostre coste quasi 1 milione di clandestini. Traghettando in Italia la mafia nigeriana.

Tornato al governo, in un solo anno, ha scaricato in Italia altri 40mila invasori e regolarizzato oltre 200mila clandestini. Vogliono continuare fino al 2023, vogliono eleggersi un nuovo popolo che poi elegga loro al governo.

A queste operazioni partecipano le Ong, vera emanazione di un’oligarchia globale che vuole eliminare gli Stati nazionali, e tutte le marine Ue. Ma i porti di sbarco sono sempre stati italiani per un accordo firmato da Renzi con la UE. Renzi che ora è il dominus di questo sgangherato governo abusivo.

Al governo c’erano fino ad oggi tre partiti, se comprendiamo anche l’estrema sinistra boldriniana di LUE che, alle ultime elezioni, tre mesi prima di andare al governo, insieme hanno preso meno del 40 per cento dei voti: e si presentavano divisi. E’ di fatto un colpo di stato tollerato o forse guidato da Mattarella. Un eventuale nuovo governo Conte avrebbe ancora meno base elettorale.

Perché è tutto il Sistema ad essere sostanzialmente illegale.

Al Quirinale c’è un presidente della Repubblica nominato da un Parlamento giudicato incostituzionale dalla stessa Corte della quale faceva parte l’attuale PdR Mattarella. Quella Corte che, mentre lo giudicava tale, ne ha permesso la sopravvivenza: e, caso strano, uno di loro è finito al Colle.

Se lo rifaranno non sarebbe un semplice voto di scambio: ma il secondo golpe bianco nel giro di due anni.

Dal PdR fino all’ultimo dei parlamentari, la classe politica al potere è tutta illegittima. E’ tutta illegale. Ogni decisione di questo governo, avallata da questo Parlamento, è illegale e non deve essere rispettata da chi si considera un vero patriota.

I prossimi provvedimenti che avrebbe in cantiere questo governo di abusivi sarebbero la cittadinanza ai terroristi di seconda generazione sullo stile belga-francese e consegnare i bambini ai gay con la famigerata step-child adoption, che altro non è che il metodo Bibbiano che diventa legge. E vogliono anche eleggersi il Presidente della Repubblica, come se il Quirinale fosse cosa loro: lo è dalla fine della guerra. E’ intollerabile.

Un governo così non si combatte. Un governo così si abbatte. Con ogni mezzo politico.

Abbiamo ogni diritto di ribellarci in presenza di un ordinamento ingiusto. Perché se è vero che ogni persona soggetta a un ordinamento giuridico, il cittadino, è soggetta all’obbligo politico, cioè al dovere fondamentale di obbedire alle leggi, questo obbligo è annullato dal diritto di resistenza.

La filosofia individua tre condizioni sine qua non, perché la disobbedienza alle leggi sia lecita:

-ingiuste (non corrispondente a principi di giustizia)
-illegittime (emanata da chi non abbia il potere)
-invalide (contraria alla Costituzione vigente)

Le leggi emanate dal Parlamento attuale rispondono a tutti e tre i requisiti. Resistere alle leggi di un governo golpista è un diritto. Anzi, è un dovere di ogni Patriota. Per l’opposizione, che è maggioranza nel Paese, è l’ultima chiamata: non devono permettere la nascita di un governo contro la volontà degli italiani.




4 pensieri su “Vogliono un altro governo illegittimo per eleggersi un nuovo popolo e un altro Presidente della Repubblica: non devono passare”

Lascia un commento