Poliziotto come il governo: vendeva l’Italia agli immigrati in cambio di viaggi gratis

Condividi!

Traditore. Altro che domiciliari, pena di morte per chi tradisce:

C’è da dire che l’esempio lo danno i ministri che hanno fatto lo stesso con 200mila clandestini ‘regolarizzati’ in cambio di non si sa cosa.




Vox

5 pensieri su “Poliziotto come il governo: vendeva l’Italia agli immigrati in cambio di viaggi gratis”

  1. E ovviamente noi ci auguriamo che tutto quel denaro alla fine sono costretti a spenderlo tutto in medicine per se stessi e i propri familiari per poi scoprire che non è servito a nulla. È ciò che merita ogni traditore che si arricchisce grazie agli invasori.

  2. Anche l’altro poliziotto non doveva prendere la pensione, se l’era fatta da solo con le cagnotte, avrà sottratto droga e poi rivenduta…chissà che bottino in tanti anni di “servizio” io gli avrei dato un calcio in culo!
    Spesso qua si parla di giudici politicizzati ma anche quelli badano alla sostanza, non dobbiamo pensare che sia per le idee che tradiscono gli italiani per bene, sono spinti dalle bustarelle.
    Anche molti processi famosi hanno lasciato basiti per la leggerezza della pena inflitta agli assassini. In molti delitti non hanno neppure pagato, una se n’è ritornata a Seattle indisturbata, dove ha fatto l’attrice, ha impersonato se stessa nel film del sanguinoso delitto di sui si era macchiata. Stava bene di famiglia, a livello economico.
    Altro delitto famoso… fa uccidere il ricchissimo marito e poi contro le regole del codice penale eredita le sue sostanze. Ora il film viene trasmesso su una tv a pagamento. Un fenomeno che lascia basiti: assassini che escono di galera in un battito d’ali e poi, invece di essere emarginati e messi all’indice, un sistema perverso li premia.

Lascia un commento