La coca cola risulta positiva al test Covid – VIDEO

Condividi!




11 pensieri su “La coca cola risulta positiva al test Covid – VIDEO”

  1. Ecco… e voi, senza vergogna ma, appunto (come ho sempre sostenuto), IN MALAFEDE, continuate ogni giorno a girare e commentare angosciati le veline di governopposizione sui “contagi” di fantacovid… determinati, appunto, attraverso questi bei “tamponi” (ognuno dei quali, en passant, costa 40 euro ai contribuenti itaGliani)… ah, sì sì, ma voi, notoriamente, amate il vostro Paese… come no!

    1. Joe, io la sto bevendo, visto che l’ho caricata di rhum dici che non mi fa male???🤣🤣🤣🤣
      La cocacola!!!!E la pepsi?
      Ma come cazzo fanno a fare ste sparate?
      Io fantasia ne ho ma questi…

  2. Il presidente della Tanzania già ad aprile fece fare il tampone molecolare a papaye, banane, patate, credo anche sassi, e tutto risulto’ positivo al coronavirus. Strano Mentana non ne abbia parlato.

  3. “Strano Mentana non ne abbia parlato.” “Strano”, invece, che tu prosegua roboticamente e pazzamente a commentare ogni giorno infervorato le veline parastatali sul “contagio” di fantacovid in tremenda crescita. Ma strano l’ho, appunto, messo tra parentesi,

  4. In fatto che questo virus non sia troppo aggressivo Joe non deve farci perdere di vista alcune cosette… sin dalla prima fase cinese (si credeva che fosse molto più pericoloso!) sostenni che ce lo saremmo ritrovato ovunque, anche nei cibi, perché l’igiene di chi produce alimenti, specialmente in piccole catene di distribuzione, non ha standard elevati.
    Ora immaginiamo che arrivi un virus dalla pericolosità medio alta ma con le stesse caratteristiche del coronavirus per la diffusione. Saranno c!
    60 gradi, dopo muore. In frigo NON cessa di vivere (prendiamo per buoni gli esami di laboratorio poiché non ci è possibile fare diversamente) mi par di aver sentito che resiste anche al congelamento, insistevo col tardigrado, ma alla luce di queste ricerche al microscopio non ero lontana dalla verità. Sotto i 60° vuol dire che tutte le lavorazioni manuali dopo la cottura durante il packaging sono a rischio. Quindi pizza al taglio, brioches ecc ecc…
    Ci può stare che dei luridi sputino in quello che l’azienda produce… può capitare di tutto. I negri raccolgono la frutta e verdure con le mani lerce e defecano nei campi. Insomma quello che voglio dire che i cibi POSSONO essere tranquillamente veicolo di contagio per epidemie.

Lascia un commento