Rivolta contro Marine Le Pen: “Troppo moderata con l’Islam”

Condividi!

È rivolta nel Rassemblement National (ex Front National) contro l’eccessiva svolta moderata impressa ormai da alcuni anni da Marine Le Pen.

La goccia che ha fatto traboccare il vaso, la mollezza verso l’islam. Nell’ex partito di estrema destra francese, alleato al Parlamento di Strasburgo con la Lega di Matteo Salvini, è in atto una vera e propria rivolta che ha portato anche il suo ‘ideologo’, Jean Messiha, un egiziano copto entrato nel movimento già in piena svolta moerata, a lasciare.

Si è lamentato del fatto che la leader del partito “crede che la religione dell’Islam non sia un problema per la Francia. Dissocia la religione musulmana dall’ideologia islamica radicale”, che invece per lui “attinge al cuore stesso del Corano”. Messiha, la cui famiglia copta egiziana si era trasferita in Francia quando lui era ancora un bambino, è solo uno dei dissidenti contro Le Pen che pensano che la sua stella sia ormai in declino dopo due fallimenti nella corsa alla presidenza del Paese e nove anni come leader della formazione politica che fino al 2018 si chiamava Front National. “Abbiamo vinto la battaglia delle idee ma non siamo riusciti a suscitare un’ampia marea popolare che si converte in vittoria alle urne. È come una squadra di calcio che ha tanti tifosi e un allenatore pieno di buona volontà ma non vince mai”, ha affermato Messiah in un’intervista.

Questa estate Le Pen ha posto fine a un’altra rivolta con l’espulsione dal partito di sei membri del comitato nazionale che erano sostenitori di sua nipote Marion Maréchal, 30 anni, una figura carismatica sostenuta come potenziale leader da membri fedeli alla politica dell’identità intransigente iniziata da Jean-Marie Le Pen, suo nonno e fondatore del partito.

Marine sta distruggendo il sogno di Jean-Marie. E pensare che mai in Europa c’è stata tanta voglia di ‘estremismo’. Eppure i politici che dovrebbero giovarsi di questa ‘voglia’ si moderano. Traditori.




4 pensieri su “Rivolta contro Marine Le Pen: “Troppo moderata con l’Islam””

  1. Questo è il problema generale della popolazione europea. Pensano all’Islam come alla messa della domenica. Sono ancora tutti convinti che sia solo una religione e che gli estremisti siano solo uno sparuto gruppo di fanatici. De Vivar si sta rivoltando nella tomba.

  2. Il problema è un altro, invero. E cioè che quando diventano troppi, tutta la politica si infirma di fattori da loro dipendenti, perfino un partito, in teoria, di estrema destra. Ma LePen sa che ormai non avrebbe speranza se si inimica arabi e neri di Francia, a meno di riuscire a coagulare, e ancora per poche elezioni, praticamente l’intero voto bianco, ad esclusione ovviamente degli attivisti antifà che comunque sono 4 gatti.
    Già il fatto che l’ideologo sia un egiziano, così come il capo dei Proud un cubano meticcio, entrambe persone validissime, per carità, ma sono segnali che nemmeno i partiti ‘bianchi’ teoricamente più estremi possono ormai farcela senza infiltrazioni. Fino a pochi decenni fa era dato per scontato che perfino il più liberal progressista partito europeo fosse completamente bianco, faccio solo per rendere l’idea.
    E se cambiano le persone, ripeto, anche se fai entrare persone valide, hanno culture e aspettative che non possono essere del tutto coincidenti con il voler ripristinare una Europa bianca con pochissimo afflusso allogeno (tempo fa leggevo dati sui musulmani in Svezia, erano solo 2000 negli anni ’40, questo sarebbe un numero accettabile). Insomma non vorrei che tra cento anni a difendere il diritto dei bianchi alle patrie europee saranno rimasti i ‘marroncini’…

  3. Già l’aver buttato fuori suo padre, e l’aver mutato il nome da Front National a Rassemblement National, sono elementi che ci dicono chiaramente verso quale direzione Marine vuole portare il partito. Verso il centro, cioé il nulla.

    Vorrebbe conquistare anche il voto di quel 30% di cittadini francesi non bianchi. In realtà dovrebbe impegnarsi a cannibalizzare il voto dei neogollisti, che sono quasi tutti bianchi.

Lascia un commento