Covid, anche in asintomatici presente carica virale altissima

Condividi!

Preoccupa l’aumento della carica virale. Alcuni asintomatici ce l’hanno altissima”. Così Carlo La Vecchia, ordinario di epidemiologia presso l’Università degli studi di Milano, ha commentato nel corso di un’intervista concessa al quotidiano “Corriere della Sera”, l’emergenza sanitaria attuale nel nostro Paese.

L’aumento della diffusione, grazie a clandestini e traposrti, e quindi il maggiore contatto con il virus, non può che portare a questo. La diminuzione estiva era normale. Questo aumento è normale.

Era tutto previsto. Solo il governo non l’ha previsto, impegnato coi banchi a rotelle. Finirà male per colpa di un governo.

Secondo la ricerca dello scienziato greco, uno dei massimi esperti al mondo, sotto i 70 anni il tasso di letalità è dello 0,05% (inferiore a quello complessivo della normale influenza dello 0,1%). Probabilmente il dato include il contagio estivo che non dà complicazioni. Ma il problema di questa epidemia non è mai stato la letalità in sé del virus, quando la letalità che avrebbe una volta lasciato correre libero con saturazione degli ospedali.




Vox

7 pensieri su “Covid, anche in asintomatici presente carica virale altissima”

  1. Sono così carico che posso farmi ponte alla macchina da solo, in ufficio mi hanno scambiato x un pokemon, VIRUSCHU!!!🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤣
    Queste merde stanno skiantando l’italia contro un muro a 300 all’ora ma me la rido uguale quando leggo ste cose!!!

Lascia un commento