Stuprata da nordafricano, per i giornali diventa “uomo dai tratti somatici non comuni”

Condividi!

Orwell non aveva immaginato tanto:

Quando il politicamente corretto incontra i giornalisti italiani dal QI più basso di quelli che difendono.




Vox

7 pensieri su “Stuprata da nordafricano, per i giornali diventa “uomo dai tratti somatici non comuni””

  1. La fake news è descriverlo come “persona giovane”, visto che si tratta di animali tutt’altro che umani. Il risveglio politico degli Italiani si avrà solo quando sarà diffusa e ben salda nella maggior parte della popolazione l’idea che chi ha la pelle scura e “tratti somatici non comuni” non è pienamente un essere umano. Lavoriamo tutti insieme affinché ciò avvenga.

    1. penso che su questo sito siamo tutti d’accordo che l’emergenza più tragica dell’Italia sia evitare la sostituzione etnica (tutto il resto, compreso l’annientamento economico, è reversibile, magari molto lentamente e nel corso di più generazioni).
      non so cosa possiamo fare, di democratico o meno, per questa ineccepibile e giusta causa.

      una cosa è certa, bisogna partire dalla verità.
      gli immigrati sono esseri umani. punto.

      ciò non è assolutamente in conflitto col fatto che sia assolutamente inaccettabile ed insopportabile che ci sostituiscano etnicamente, anche se fossero brava gente.
      ancor più inaccettabile ed insopportabile visto che, rispetto agli Italiani, una percentuale spropositata di loro sono delinquenti (molti sono anche seguaci di una religione di merda incompatibile con l’occidente) o scrocconi prepotenti, cui va aggiunta una percentuale di autentici selvaggi incapaci di comportarsi urbanamente.
      ancor più insopportabile ed inaccettabile se si pensa che tutto ciò è voluto e pilotato dalle cosiddette elite mondialiste (che però in pochissimi chiamano con il loro nome, massoneria e paramassonici illuminati e ancor meno ne riconoscono l’ispirazione satanista).

      per giovare alla nostra causa bisogna essere inattaccabili sulla verità.
      se riconosciamo a negri, magrebini, arabi, etc. tutte le prerogative dell’essere umano (cosa che, ad esempio, non viene riconosciuta agli esseri umani più indifesi, quelli concepiti e non ancora nati),
      a quel punto ogni ambiguità sparisce
      ed essere razzisti (inteso come gente che non vuol essere sostituita) può essere a gran voce rivendicato, consapevoli di non violare alcun principio etico e quindi con la capacità di
      condividere la nostra posizione con chiunque sia disposto a ragionare e non sia animato da disposizioni anti-italiane a prescindere (rossi di merda e più in generale merde sedicenti antifascisti in assenza di fascisti ).

      se invece ci si trincera dietro una falsità (“subumani”),
      non si va lontano.
      per quello zero che conto, io, ad esempio, non sono disposto a seguire il falso assunto dei subumani.
      e se vale per me (che ritengo sacrosanto
      rimpatriare tutti gli immigrati, regolari e non,
      accompagnare a calci in culo i clandestini oltre le frontiere terrestri da cui sono arrivati o mollarli, come suggerito da lorenzoblu, col salvagente a 12 miglia dalla costa se giunti via mare,
      ergastolo in 10 detenuti per cella di 10mq includente cesso alla turca per ogni trafficante o passeur, inclusi “volontari” ong,
      assieme ai loro complici), credo valga anche per altri milioni di connazionali.
      scusate il mattone da due soldi.

      1. Un bellissimo intervento, condivido quasi tutto. Però io penso che la “diversità delle razze” esista. E quindi credo che potremmo avere un interessante dibattito su cosa sia un essere umano. Ma per il resto la tua posizione è perfettamente logica e molto ben argomentata.

        1. Concordo con Guaglione ed ho fatto notare, a più riprese, l’assoluta necessità di non fare troppo i duri e puri, altrimenti si resterà in eterno allo 0, mentre i porci faranno i loro porci comodi, a spese di tutti, anche nostre.

          Tuttavia, visto che siamo in dibattito, faccio, da non esperto in antropologia e genetica, che da taluni studi, considerati ‘eretici’ naturalmente, da parte di certa scienza prezzolata e dai quotidiani, scientifici e non, che evitano accuratamente di parlarne, che i popoli neri subsahariani (non i tunisini dell’articolo quindi, sebbene abbiano innegabilmente alcune gocce di sangue negro importato dagli arabi dopo la conquista), avrebbero una percentuale significativa di geni provenienti da hominidi ora estinti, con i quali i primi sapiens si sarebbero accoppiati. L’Africa è il luogo più ricco di vita e fertile della Terra, e non è strano che lì si siano intrecciati, più che altrove, anche le varie specie umane agli orli della loro esistenza. Ma fecero in tempo a mescolarsi, in parte, come i sapiens in Europa fecero in tempo a mescolarsi in parte con i Neanderthal, di cui i bianchi odierni conservano qualche gene, a differenza di africani e asiatici, che semmai hanno geni denova.
          Come vedete, pur mettendo, giustamente, nel calderone dell’essere uomini, tutti i popoli della Terra, che innegabilmente hanno la comune base dei sapiens, ci sono state non solo diversificazioni per acclimatamento locale, ma anche innesti in partenza da parte di altre popolazioni, quelle sì, “non del tutto umane”, nel senso non sapiens, salvo i neanderthal che sono considerati sapiens e interfertili con i cro magnon.

  2. clssico vox basta leggere today milano lo schema è sermpre quello vi ho linkato gli articoli(????) di sti giornaletti on line, è tutto studiato dalla boldrona!
    Chi c’è dietro wikipedia? dietro milano today? e i giornali anti bufale? semplici cocainomani a cottimo con licenza di calunnaire odiare diffamare! sono psicopatici on line, amano il 5g perchè sono di rifondazione comunsita o5 grilli che son la stessa cosa, sono poltronari in smart working, ragazzetti al 5 anno fuoi corso in scienza della canzone neomelodica…

Lascia un commento