Gregoretti, ora su Salvini deciderà il procuratore Zuccaro

Condividi!

Il Senato abusivo ha concesso l’autorizzazione a procedere nei confronti di Matteo Salvini sul caso Gregoretti. Ora tutto torna da dove è iniziato: dal procuratore di Catania, Carmelo Zuccaro. Un grande. L’unico che in questi anni ha tentato di mettere spalle al muro i trafficanti delle Ong.

VERIFICA LA NOTIZIA

Il magistrato si era già espresso per l’archiviazione dell’inchiesta nei confronti dell’ex ministro dell’Interno. Ma, incredibilmente, le toghe rosse del Tribunale dei Ministri avevano respinto la sua richiesta: atto piuttosto irrituale. Politico.

“Questo pm – si leggeva nella parte finale del documento firmato da Zuccaro per la richiesta di archiviazione – ritiene che l’avere prolungato per circa tre giorni la permanenza a bordo della nave Gregoretti dei migranti salvati in mare da unità militari italiane, garantendo comunque loro assistenza medica, viveri e beni di prima necessità, e consentendo l’immediato sbarco di coloro che presentavano seri problemi di salute e dei minorenni, e ferma restando l’intenzione ministeriale di assegnare il Pos in tempi brevi consentendo lo sbarco ed il trasferimento in ‘hotspot’ per la fase di identificazione, non costituisca una illegittima ‘privazione’ della libertà personale punibile ai sensi dell’art. 605 c.p”.

Ora, dopo il sì dell’aula sorda e grigia di Palazzo Madama, lo stesso procuratore dovrà stabilire se quella di Salvini è o meno un’imputazione “coatta”. In questo caso i magistrati dovranno obbligatoriamente sollecitare il rinvio a giudizio.

In caso contrario, invece, Zuccaro potrà chiedere nuovamente l’archiviazione. Non spetterà comunque al tribunale dei ministri decidere ma al giudice per le indagini preliminari. Visto che ora Salvini verrà processato come un normale cittadino per una scelta politica fatta nel pieno delle proprie funzioni politiche e su mandato degli elettori sovrani.

Non ci deludere, Zuccaro.




Un pensiero su “Gregoretti, ora su Salvini deciderà il procuratore Zuccaro”

Lascia un commento