Coronavirus: cinese ‘infetta’ in Italia, autogrill in quarantena sulla Firenze mare

Condividi!
VERIFICA LA NOTIZIA

E’ stato bloccato nell’area di Servizio di Serravalle Nord un pullman di turisti cinesi in viaggio sulla Firenze mare.

Un controllo sui passeggeri da parte dei sanitari dell’Asl è in corso: una donna ha avuto un malore e ha una forte febbre “sospetta”. Il mezzo è stato bloccato e la donna accompagnata all’ospedale di Pistoia per più accurati controlli.

E’ successo poco prima delle 19. A quanto sembra la comitiva orientale, che stava dirigendosi verso l’ereoporto di Pisa ha dato l’allarme perchè la donna si è sentita male.

Da qui sono scattati i controlli, per verificare che non si sia di fronte ad un caso di Corona Virus. Sembra comunque che il gruppo in viaggio sul bus, e la donna con la febbre in particolare, non sia originaria della zona epicentro del virus, ma di una zona vicina.

Intanto per sicurezza, l’autogrill è stato bloccato in entrambe le direzioni per un po’ di tempo. E’ insomma, momentaneamente, in quarantena per la presenza del pullman. Poi però è stato riaperto al traffico.

La vicenda è coordinata dalla Polizia pistoiese. Si aspettano gli esiti delle analisi (ci vorrà però un po’ di tempo) e si attende un pronunciamento dell’Asl.

“La segreteria regionale di Forza Nuova Toscana apprende del sospetto caso di infezione da coronavirus, con il blocco di una comitiva cinese in pullman e messa in sicurezza dell’area di servizio Serravalle Nord in autostrada Firenze Mare”.

“Appare sempre più evidente che solo la ricetta forzanovista sia la cura giusta, con il blocco totale dell’immigrazione che oltre ad una dolorosa ferita per l’armoniosa convivenza tra i popoli, sta mettendo a serio rischio la salute del nostro popolo”.

Roba da matti. In Cina chiudono le città e noi facciamo entrare turisti cinesi. E’ la via della seta che ci porterà alla fine.




2 pensieri su “Coronavirus: cinese ‘infetta’ in Italia, autogrill in quarantena sulla Firenze mare”

  1. Bloccato aereporti, bloccato tutto per un virus che ha una percentuale di pericolosita’ attorno all 1% mentre per l’immigrazione clandestins incontrollata potenziale portatrice di virus altamente piu letali solo porte aperte. Quando Tafazzi diventa la realta’

Lascia un commento