Imam contro Presepe nella scuole: “Meglio evitarlo”

Condividi!

Ci dicono che i musulmani non sono contrari al Presepe nelle scuole. E che è ‘solo’ una eccessiva ‘precauzione’ dei nostri buonisti.

Non è vero. A Pordenone, tempo fa, l’imam moderato locale intervenne contro il presepe nelle scuole della città. L’arroganza non fa loro difetto.

Dalle sezioni d’infanzia alle superiori, il tasso degli alunni provenienti da famiglie islamiche è al 15% (numeri da allarme sociale, poi dicono che non c’è invasione!) e così arrivano proteste contro l’iniziativa della Natività in tutte le scuole del consigliere delegato all’istruzione Alessandro Basso.

Protesta l’imam Mohamed Hosny: «L’albero è un bellissimo simbolo del Natale nelle scuole ed è per tutti – ha detto –. Per quanto riguarda la croce o un simbolo di chiara identità religiosa come il presepe, meglio evitarli nelle scuole. Questo, nel massimo rispetto per tutte le fedi e tutte le religioni».

E in effetti, man mano che si avvicineranno al fatidico 50 per cento, pretenderanno sempre di più. Fino all’imposizione del Corano nelle scuole. E della preghiera islamica: l’Islam si è sempre imposto attraverso l’immigrazione.

E spuntano i collaborazionisti sinistrati, come il docente Loris Tissiino, che dal Mattiussi ha dichiarato: «La scuola deve insegnare a mettere in dubbio le tradizioni – ha detto –, non a tramandarle a prescindere dalla loro fondatezza e ragionevolezza. Si può tollerare un presepe allestito in un angolino dei locali per i bidelli, ma nessuna indicazione dalla dirigenza». Notate il tipico classismo del radical chic di sinistra contro i ‘bidelli’. Non si possono tollerare, invece, docenti di questo tipo.

VERIFICA LA NOTIZIA

Per Basso è una scelta di rispetto per l’identità e la tradizione culturale: «Non ho dato indicazioni alle scuole di Pordenone – ha voluto precisare –. Da dirigente ho semplicemente scelto di allestire il presepe come scuola come simbolo culturale, storico, religioso in Isis Marchesini, Ipsia Della Valentina, Ipsia Carniello a Sacile e Brugnera e nell’istituto comprensivo di Prata”.

«Presepe anche nel liceo Galvani – ha confermato la dirigente Laura Borin – e nell’istituto comprensivo a Caneva». Al liceo Grigoletti presepi in allestimento: «Tradizione confermata» ha detto la dirigente Ornella Varin. Al Leopardi-Majorana la dirigente Tassan Viol ha una collezione di presepi. «Natale – ha messo in chiaro Tassan Viol – è una festa cristiana».

«Basso, però, non può parlare a nome dei cittadini – ha ribadito Tissino –. Tanti non sono cristiani».

Questa è terra cristiana, culturalmente, anche per i non credenti. Ma mettiamocelo in testa: le nostre tradizioni non sopravviveranno a noi stessi. Popolazioni diverse imporranno tradizioni diverse.

Per questo, se non vogliamo moschee e islamizzazione, abbiamo una sola scelta: bloccare i ricongiungimenti familiari.




Lascia un commento