Nigeriano vende droga ai bambini: “Per arrotondare la paghetta da profugo”

Condividi!

Vendeva droga agli adolescenti. Così, un 29enne di nazionalità nigeriana, richiedente asilo, arrotondava la paghetta da profugo nel parco di Darfo Boario Terme.

VERIFICA LA NOTIZIA

Vitto, alloggio, benefit sociali vari e pocket money da 75 euro non gli bastavano. Dunque, per arrotondare la diaria, l’africano aveva avviato un’attività di spaccio di hashish e marijuana, soprattutto diretta ai giovanissimi.

Che lo chiamavano “lo zio del parchetto”, perché li riforniva di droga. Il passaparola avveniva tramite social network dove, attraverso chat private e gruppi chiusi, i ragazzini si scambiavano informazioni sullo “zio” nigeriano che vendeva materia prima a buon mercato. Ed è stata proprio quel tam-tam di notizie virtuali a far emergere l’esistenza della piccola piazza di spaccio.

Avete traghettato in Italia chi vende morte ai vostri figli. La mafia nigeriana ha ora migliaia di spacciatori per le strade: questo ha abbattuto il costo, e ampliato la ‘clientela’. Anche i ragazzini.

Sono stati i genitori degli adolescenti ad accorgersi dell’illecito. Dunque, preoccupati per le sorti de propri figli, si sono rivolti a carabinieri del Comando locale affinché fermassero lo spacciatore. Raccolta la denuncia dei famigliari, i militari dell’Arma hanno rintracciato il 29enne all’interno del parco durante ed hanno provveduto subito a bloccarlo. Il pusher nigeriano custodiva 8 dosi di droga racchiuse in un involucro di carta. Inoltre, gli sono stati sequestrati 70 euro, presumibilmente i proventi della vendita di droga.

L’africano è un richiedente asilo ospitato in un centro Sprar del bresciano. I famigerati Sprar quasi azzerati da Salvini, che ora il Pd vuole rimpinguare di finti profughi.

Sottoposto a rito direttissimo dal giudice di turno, è stato arrestato per il reato di detenzione di stupefacente ai fini di spaccio. Ma come lui ce ne sono altre decine di migliaia. E li ha portati tutti il PD.




Un pensiero su “Nigeriano vende droga ai bambini: “Per arrotondare la paghetta da profugo””

  1. Mah, la situazione è peggiorata sotto molti aspetti ma ci si drogava anche quando non c’erano i nigeriani, forse anche di più. Poi, odiatemi pure, ma c’è un abisso tra l’erbaccia e la droga vera.

Lascia un commento