Sondaggi, l’onda sovranista travolge tutti: Salvini domina

Condividi!

“La nuova Camera? Lega e Fratelli d’Italia a 358 seggi, 5 Stelle sotto il Pd”. Sul Corsera le proiezioni Ipsos, provano a dare conto dei prossimi scenari, dopo il voto. Secondo quanto emerge, inoltre “con Forza Italia l’asse sovranista raggiungerebbe quota 413”. Nell’analisi pubblicata il Movimento 5stelle viene dato in caduta libera, superato dal Partito democratico. Nelle intenzioni di voto raccolte da Ipsos avremmo dopo il voto “un Parlamento profondamente diverso rispetto all’attuale, con un centrodestra (in tre versioni diverse) sempre dominante”.

Con Salvini che corre da solo la Lega “passerebbe dagli attuali 125 seggi a 297, non lontanissimo quindi dall’autosufficienza. A quel punto, con i ‘compagni di viaggio’ come li ha chiamati il ministro dell’Interno, il traguardo dei 316 deputati verrebbe agevolmente raggiunto, visto che, tra Fratelli d’Italia e Forza Italia, il bacino di potenziali alleati è di 62 parlamentari”. “In questa ipotesi il Pd otterrebbe il suo miglior risultato, passando dagli attuali 114 deputati (con +Europa) a 135. Oltre al boom leghista, l’altra costante delle simulazioni è la debacle M5S che, dalla vetta degli attuali 216 seggi, passerebbe a 122. E questa, tra le tre, è perfino l’ipotesi migliore per il Movimento”.

Lo scenario più probabile viene considerato però quello di “un patto tra Lega e FdI”. “L’asse sovranista volerebbe a 358 seggi, maggioranza robusta e omogenea, conquistando anche molti collegi nella parte maggioritaria. Di conseguenza sarebbero più deludenti i risultati del Pd, 122 seggi, e del M5S, 106. In questa ipotesi, FI — fuori dall’alleanza e quindi in corsa solitaria — passerebbe dagli attuali 104 deputati a 30.

“L’ultimo scenario è l’alleanza tra Lega, FdI e Forza Italia. Al momento la riedizione della coalizione ”vecchio stile’ sembra un’ipotesi remota, ma va anche detto che con questa formula il centrodestra ha vinto nell’ultimo anno e mezzo moltissime elezioni locali. Secondo la proiezione, il patto tra i tre partiti trionferebbe, toccando la quota record di 413 seggi. Annichilite le opposizioni: 115 deputati al centrosinistra (uno in più degli attuali), mentre il Movimento Cinque Stelle precipiterebbe a 88 (da 216)”, si legge infine sul Corsera.

In realtà è probabile che la Lega raggiunga la maggioranza anche andando da sola. E’ su questo che sta ragionando Salvini. Verrebbe infatti premiata dal voto utile: chi voterebbe FI e FdI, sapendo che sarebbe un voto che favorisce un non governo?

Stessa storia anche in caso di alleanza sovranista: FI sparirebbe.

Questi numeri spiegano perché, se potessero, Pd-Fi-M5s farebbero di tutto per non andare al voto. Il loro problema è che l’unica possibilità numerica sarebbe un governo insieme (M5s e Pd non basterebbero viste le defezioni), e un governo di questo tipo è ancora più impossibile di uno a due, visto che le defezioni aumenterebbero, soprattutto tra i grillini. E che sarebbe un suicidio.




7 pensieri su “Sondaggi, l’onda sovranista travolge tutti: Salvini domina”

  1. Un possibile scenario di chi tenta il tutto per tutto: pd + 5stelle + liberi e uguali + verdi ecologisti… dall’altra parte la Lega che si vede costretta ad andare alle urne con Fratelli d’Italia + CasaP. + N.
    A me non dispiacerebbe se accadesse.

  2. La pagina di Salvini perde 24.000 like al giorno. In 3 mesi piace meno di Renzi.
    Intanto è già pronto Cottarelli a far andare in pensione gli italiani a 77 anni. Cosi possiamo vendere il Friuli Venezia Giulia ai crucchi di merd* per le loro vacanze in Italia. Se fossimo un paese degno di questo nome cacceremmo tutti i tedeschi dai confini e invece siamo pronti ad accettare i loro spiccioli per campare, perché per il loro tenore di vita le migliaia di euro che ci snocciolano contando il centesimo sono solo spiccioli per loro. Siamo il paese della mafia e degli spachetti Ja! Siamo il paese dei figliacchi ja! Dei zalfini! I russi dovevano pestarli tutti dal primo all’ultimo, dal ’45 fino al 1989 ma sono stati troppo umani

Lascia un commento