L’attacco dei velieri islamici: Erdogan ci manda un barcone a settimana – VIDEO

Condividi!

Un altro veliero carico di islamici attacca l’Italia da est. Partono dalla Turchia.

Ancora una barca a vela carica di clandestini sulle coste ioniche della Calabria. Un pattugliatore della Sezione Operativa Navale di Crotone della Guardia di Finanza, ha intercettato stanotte al largo di Capo Rizzuto un’imbarcazione a vela e motore che trasportava circa trenta clandestini.

VERIFICA LA NOTIZIA

L’equipaggio della motovedetta del Roan di Vibo Valentia, affiancata la barca, ha trasbordato gli immigrati sul pattugliatore che ha trainato lo sloop verso il porto di Crotone.

I clandestini hanno raccontato di provenire dalla Turchia. C’è, in pratica, un’organizzazione con viaggi settimanali in barca a vela dalla Turchia all’Italia.

Tutti giovani, tutti maschi, tutti musulmani pakistani:

Un governo serio li caricherebbe sul primo aereo verso il Pakistan. Invece qui chiederanno asilo e ci vorranno 2 anni per scoprire che non esiste alcuna guerra in Siria.

Ci sono ancora cose che Salvini deve fare. Una di queste è le espulsioni lampo. E non solo quelle lampo.

Sono stati portati nel centro di prima di Isola Capo Rizzuto, quello già gestito dalla ‘ndrangheta.

C’è un’organizzazione ben strutturata. Gli scafisti andrebbero giustiziati sul posto, invece si organizzano processi farsa.

Questi pagano migliaia di euro a testa per venire a spacciare in Italia.

È la conferma non solo che la rotta che parte dalla Turchia è più che mai viva, ma che un’organizzazione formata da cittadini dell’ex Urss, probabilmente delle repubbliche islamiche, gestiscono il flusso dal paese anatolico verso l’Italia.

L’Unione Europea paga, per un accordo stipulato al tempo del Pd al governo. tre miliardi di euro l’anno al governo di Ankara perché blocchi il flusso di clandestini, soprattutto quello via terra. L’Italia partecipa come sempre con oltre il 10 per cento del budget, quindi oltre 300 milioni di euro.

Così, noi diamo ad Erdogan 300 milioni di euro l’anno, lui ci manda i velieri zeppi di musulmani.

In una situazione normale, verrebbero caricati sul primo aereo verso il Pakistan. In una situazione ideale, le imbarcazioni cariche di giovani maschi islamici verrebbero affondate appena avvistate. Non viviamo una situazione ideale né normale.




2 pensieri su “L’attacco dei velieri islamici: Erdogan ci manda un barcone a settimana – VIDEO”

  1. ma come la Tunisia ha fatto sbarcare i 75 clandestini a bordo della nave dopo 15 giorni e li ha immediatamente messi su un aereo con destinazione Bangladesh e noi non siamo in grado di fare altrettanto? dobbiamo farci dare lezioni anche dalla Tunisia? siamo incapaci veramente di salvaguardare il territorio dalle invasioni barbariche ….

Lascia un commento