Liberato dopo molestie a poliziotta con bastone e coltello a caccia di passanti

Condividi!

VERIFICA LA NOTIZIA
Mentre impazzava la polemica per la sua scarcerazione:

Immigrato molesta poliziotta, giudice: “Reato lieve”, e lo scarcera

L’immigrato in questione veniva nuovamente arrestato perché in escandescenze brandendo un bastone.

“Confermo la volontà di scrivere a Conte e Bonafede per capire come è stato possibile rilasciare una persona che aggredisce una agente in un ufficio di Polizia e poi fa dell’autoerotismo – attacca Salvini -. È grave, ed è incredibile quanto successo poche ore fa. Non possiamo permetterci di avere per le nostre strade simili personaggi”.

Era stato il Sindacato Autonomo di Polizia a diffondere la notizia che arriva da Reggio Emilia: “Vagava nei pressi della stazione quando è stato fermato e condotto negli uffici della Polfer per accertamenti di rito – racconta Stefano Paoloni, segretario generale del Sap – Lì, un 28enne extracomunitario ha dato in escandescenze e, dopo aver palpato il seno di una poliziotta in servizio, ha iniziato a compiere atti di autoerotismo davanti a lei”. L’immigrato è stato ovviamente “arrestato dai colleghi con l’accusa di violenza sessuale in attesa della convalida da parte dell’Autorità Giudiziaria”. L’accusa è grave. Ma il soggetto è “stato immediatamente rilasciato, poiché il giudice ha ritenuto il fatto di lieve entità”.

Ora: “Lo straniero rilasciato dal giudice dopo aver palpeggiato una poliziotta a Reggio Emilia – fanno sapere fonti del Viminale – è stato nuovamente arrestato in stazione, oggi, dove ha dato in escandescenze brandendo un bastone”.

E Salvini: “Confermo la volontà di scrivere a Conte e Bonafede per capire come è stato possibile rilasciare una persona che aggredisce una agente in un ufficio di Polizia e poi fa dell’autoerotismo. È grave, ed è incredibile quanto successo poche ore fa. Non possiamo permetterci di avere per le nostre strade simili personaggi”.

E come vedete dalla foto in alto, hanno questo vizio.

I magistrati devono pagare per gli errori che fanno. Se liberi un molestatore perché palpeggiare una poliziotta è un ‘reato tenue’ e poi il molestatore va in giro armato di coltello e bastone, devi pagare.




Un pensiero su “Liberato dopo molestie a poliziotta con bastone e coltello a caccia di passanti”

Lascia un commento