I contribuenti mantengono i finti partigiani dell’Anpi

Condividi!

L’Anpi, tra le associazioni combattentistiche è seconda per numero di fondi ricevuti.

L’Anpi è al secondo posto per quantità di stanziamenti ricevuti, dietro solo ai “combattenti e reduci”. Soldi che riceve in funzione della “valorizzazione dei luoghi della resistenza italiana”. Poco importa che parte dei soldi li utilizzino per contestare Salvini in giro per l’Italia.

VERIFICA LA NOTIZIA

Nel 2017 il ministero della Difesa ha destinato alla Festa della Liberazione 107mila euro. Quest’anno 95mila euro. La Trenta taglia ai militari, non agli scappati di casa.




2 pensieri su “I contribuenti mantengono i finti partigiani dell’Anpi”

  1. Sarebbe tempo di precisare che è partigiano chi uccide gli invasori, non chi li favoreggia.
    ANPI ormai significa solo Associazione Nazionale Palestinesi Italiani, perchè tra i soci dell’ANPI ci sono anche veri e propri terroristi islamici.
    Questa gente non è la Resistenza, questa gente è la quinta colonna del nemico.

Lascia un commento