Traffico di droga: arrestati 10 profughi africani

Condividi!

Salivano a Trento e Rovereto in treno, per raggiungere le principali piazze dello spaccio e rifornire numerosi tossicodipendenti, alcuni dei quali erano stati direttamente coinvolti nella rete del commercio di stupefacenti: otto richiedenti asilo centroafricani e due nigeriani sono stati arrestati dalla squadra mobile della questura di Trento nell’ambito dell’operazione «Predatori» scattata a seguito di ulteriori due operazioni simili de mesi scorsi.

VERIFICA LA NOTIZIA

Gli agenti sono entrati in azione tra Ferrara, Vicenza, Verona (piazze da cui partivano gli arrestati dopo essersi riforniti di dosi da cedere in Trentino) e le città della provincia, eseguendo le ordinanze di custodia cautelare tra la metà di aprile e i giorni scorsi.

L’operazione ha portato alla luce un vasto traffico di droga gestito da persone giunte in Italia come richiedenti asilo per motivi politico-umanitari o di protezione sussidiaria.

La rete era in grado di intercettare la maggior parte dei tossicodipendenti presenti sul territorio trentino.

Gli spacciatori utilizzavano l’applicazione Whatsapp per comunicare tra loro.




Lascia un commento