L’alleata di Boldrini si converte: “Immigrati danneggiano i lavoratori”

Condividi!

Wow, pare che qualcuno a sinistra abbia capito Marx, oltre ad averlo letto. Sarah Wagenknecht, leader del partito tedesco di estrema sinistra “Die Linke”, che conta 69 deputati nel Bundestag e che all’Europarlamento è alleato del partito di Boldrini e Grasso, ha parlato a favore della riduzione dell’immigrazione in Germania.

Descrive l’immigrazione economica come una minaccia per i lavoratori perché deprime i salari, minacciando così le classi lavoratrici tedesche. Le sue osservazioni sono state pubblicate da Die Welt, il giornale tedesco della sinistra liberal.

VERIFICA LA NOTIZIA

Secondo Wagenknecht, i flussi migratori sono anche un disastro per i paesi di origine, che vedrebbero alcuni dei loro membri più istruiti (sicuramente non è il caso di quelli che arrivano in Italia, ma semmai di quelli che partono dall’Italia) partire per i paesi sviluppati.

Quindi in Germania non sono solo i partiti di destra (AfD, CSU) si oppongono all’immigrazione, ma anche la sinistra radicale tedesca.

Gran parte degli elettori di “Die Linke” proviene dai Länder dell’ex Germania dell’Est, dove l’opposizione all’immigrazione è molto forte, le indagini sull’immigrazione hanno dimostrato una posizione molto ostile rispetto all’arrivo dei migranti.

Evidentemente il comunismo ha fatto meno danni alle menti del consumismo, il suo gemello progressista occidentale.




Lascia un commento