Sposa bambina condannata a morte per decapitazione: non si è lasciata stuprare notte nozze

Condividi!

Noura è stata completamente abbandonata dalla sua famiglia, da un anno e mezzo è rinchiusa nel carcere di Omdurman. Eppure lei è la vittima. Almeno secondo i nostri canoni, ma non secondo quelli afroislamici.

Secondo i quali, nonostante sia stata abusata sessualmente, è stata condannata a morte.

Noura, a 13 anni è stata data in sposa a suo cugino. Nonostante il suo rifiuto, il matrimonio islamico è stato celebrato. Noura allora fugge, ma dopo due anni vissuti lontano dalla famiglia, ha la cattiva idea di tornare dal padre. Che la costringe a vivere a consumare il matrimonio.

La ragazza non vuole, ma i due sposi vanno in luna di miele a Khartoum, dove, dopo giorni di rifiuto, lei viene violentata dal marito che la costringe a fare sesso in presenza di altri parenti.

Il giorno successivo, il 3 maggio 2017, il marito cerca nuovamente di violentarla, ma Noura reagisce e lo accoltella, ferendolo a morte.

“‘O muori tu, o muoio io’, le ha detto il marito durante lo scontro”. La forza delle disperazione la spinge a difendersi uccidendo il suo aguzzino.

Noura torna nuovamente dalla famiglia, sperando di essere aiutata, ma il padre la consegna alla polizia, completamente rifiutata dalla famiglia, per i genitori non è più la loro figlia perché non si è lasciata violentare.

Il 19 aprile 2018, Noura viene incriminata e condannata a morte tramite decapitazione. In Sudan, infatti, vige la Shariʿah, la legge islamica. Condannata per omicidio premeditato, lo stupro non viene nemmeno preso in considerazione.

VERIFICA LA NOTIZIA
Solo tanti soldi potrebbero salvare Noura: “se la famiglia del marito accettasse il pagamento della multa, al posto della condanna a morte, Noura potrebbe essere salvata. Ma è molto difficile. La famiglia di lui è ricca e non ha bisogno di soldi, preferisce la vendetta”, spiega l’avvocato della condannata a morte..

Il 10 maggio prossimo ci sarà il processo e gli avvocati di Noura avranno 15 giorni per appellarsi alla sentenza.




Lascia un commento