Panico: PD crolla nei sondaggi al 20%



Condividi!

Secondo un sondaggio discusso dai papaveri del partito, il Pd sarebbe al 20 per cento. Un minimo storico che, siamo certi, verrà battuto al momento del voto.

L’insistenza sullo ius soli, Boschi/Etruria e i crimini degli immigrati stanno affondando i renziani.

Il caso banche, come sottolinea anche il giornale del partito Repubblica, ha un impatto importante sui sondaggi. Ma il calo dei consensi va avanti ormai da settimane, dipende da questioni più profonde.

VERIFICA LA NOTIZIA

E dalle parti del Nazareno ci si interroga su quanto possa ancora fiaccare la tenuta del partito nei sondaggi il caso di Etruria. E all’orizzonte ci sono ancora tempeste. Tra le audizioni in Commissione banche manca quella di Federico Ghizzoni, ex ad di Unicredit. Un altro “appuntamento” che può nuovamente accendere i riflettori sulla Boschi e dunque mettere in pericolo ancora tutto il Pd. Il calendario dei lavori della Commissione parla chiaro. Martedì 19 sarà il turno di Ignazio Visco, governatore della Banca d’Italia che dovrà parlare del mancato scambio di informazioni tra Consob e via Nazionale. Ma il vero appuntamento è quello di mercoledì 20 quando sarà il turno di Ghizzoni che dovrà confermare o smentire se l’allora ministro delle Riforme gli chiese di “salvare” Etruria, banca di cui il padre era vicepresidente. Insomma un a settimana di fuoco per i democratici che sempre più sono con le spalle al muro sul caso dell’istituto di credito toscano. L’ombra della Boschi comincia a far sentire il suo peso nelle rilevazioni che danno anche un’indicazione sugli scenari del voto che potrebbe tenersi a marzo del 2018. Il Pd ci arriverà probabilmente a pezzi con il centrdoestra che vola al 38 per cento e i Cinque Stelle che sfruttano la scia di Etruria per scavalcare i dem nelle intenzioni di voto.



Lascia un commento