Minniti vede Appendino, sì case a spacciatori Moi

Condividi!

Il ministro dell’Interno, Marco Minniti, ha incontrato al Viminale il sindaco di Torino Chiara Appendino e il prefetto Renato Saccone. Diversi i temi trattati e discussi, in particolare il sostegno da parte del Ministero dell’Interno per la realizzazione del progetto Moi (case agli spacciatori che da anni occupano abusivamente le palazzine olimpiche: dove spacciano, stuprano e nascondono la refurtiva) messo in campo con Prefettura, Comune, Regione Piemonte, Città Metropolitana e Diocesi, l’impegno sul regolamento dei campi Rom con gli zingari che avranno tante casette.

VERIFICA LA NOTIZIA

In materia di emergenza abitativa, la sindaca Appendino ha manifestato la volontà di proporre in sede Anci una semplificazione delle procedure per le ristrutturazioni di infrastrutture destinate all’housing sociale: che tradotto significa regolarizzare la presenza di gruppi di immigrati in case fatiscenti come piace al ras delle soffitte di Torino.

L’incontro, già programmato da tempo, aggiunge il Viminale, si è svolto “in un clima di cordialità e di concordia istituzionale”. Non c’è dubbio, stesso numero di neuroni.




Lascia un commento