Barcellona, le vittime italiane dell’Islam: ed è allarme furgoni a Roma

Si chiama Luca Russo la seconda vittima italiana dell’attentato di Barcellona. 25 anni, era originario di Marostica e abitava a Bassano del Grappa (Vicenza). Si era laureato in Ingegneria all’università di Padova. Il giovane era nella città catalana con la ragazza, rimasta ferita ma non in gravi condizioni. “Aiutatemi a riportarlo a casa. Vi prego” è l’appello disperato che lancia via Facebook Chiara Russo, sorella di Luca.

INTANTO E’ ALLARME FURGONI A ROMA
– Sensibilizzate ulteriormente le misure di sicurezza a Roma dopo l’attentato di ieri a Barcellona. Particolare attenzione alle aziende di autonoleggio, affinché segnalino qualsiasi situazione anomala, e ai furgoni diretti in città, in particolare quelli in transito nel centro storico.

VERIFICA LA NOTIZIA

E’ ridicolo. Il problema non sono i furgoni. Il problema sono gli islamici. E il problema lo risolvi bloccano l’immigrazione da quei paesi e con rimpatri di massa: nell’ordine delle centinaia di migliaia, non delle decine.



Lascia un commento