Ostia: chiusa moschea abusiva, islamici occuperanno piazza

Condividi!

Chiusa la moschea abusiva di Ostia. Due giorni fa, le forze dell’ordine, su richiesta del Comune di Roma, hanno apposto i sigilli al luogo di culto islamico ricavato nell’ex colonia Vittorio Emanuele. Dieci anni di morosità, nessun pagamento delle utenze e violazione dei termini di concessione della struttura che è stata trasformata in moschea senza permessi sarebbero le cause che hanno indotto l’amministrazione capitolina a disporne la chiusura.

La notizia è stata accolta con favore da CasaPound che ha condotto una lunga e estenuante battaglia per la chiusura del luogo di culto. Il leader Luca Marsella ha ricordato: «Sono anni che ripetiamo che l’ex Vittorio Emanuele deve essere sgomberata e restituita ai romani. Ci risulta che alla moschea abusiva oggi chiusa, metà delle utenze le pagava il Comune di Roma e ciò sarebbe gravissimo».

Sono circa 15mila i musulmani che parassitano il X Municipio di Roma e 400 di loro, questo venerdì si sono dati appuntamento a mezzogiorno per pregare a piazza dei Ravennati. Abusivamente.




Lascia un commento