LA PIAGA DEGLI INSETTI MIGRANTI COSTA 69 MILIARDI L’ANNO



Circa 69 miliardi di euro all’anno. Questo è il costo dei danni causati da dieci specie di insetti migranti in tutto il mondo. L’impatto degli insetti migranti sull’ecologia locale è devastante: a partire dalle specie autoctone. Lo spiega uno studio pubblicato sulla rivista scientifica “Nature Communications”.

Ma è solo una “stima minima”, ha dichiarato Franck Courchamp, ecologo e direttore della ricerca al CNRS, che ha condotto lo studio con un team internazionale di ricercatori.

insetti

“Per migliaia di anni, gli insetti sono stati responsabili della diffusione di malattie in esseri umani e animali, e di notevoli danni come la distruzione delle colture e delle riserve, la distruzione delle infrastrutture, fino alla devastazione delle foreste”, dice il ricercatore. Ma con la globalizzazione e l’aumento del commercio internazionale negli ultimi decenni, il numero di specie introdotte in nuovi ambienti è aumentato, ed è aumentata la velocità con la quale migrano, accentuando il fenomeno. Ovvero i danni.

E’ in Nord America che le perdite finanziarie sono più alte, con 24,5 miliardi di euro l’anno. Per l’Europa sono “solo” 3,2 miliardi. Una differenza che si basa però sul fatto che molti più studi sono condotti sull’argomento negli Stati Uniti rispetto all’Europa …

Anche con la raccolta di dati e studi provenienti da 737 articoli, libri e rapporti, i ricercatori non hanno potuto tracciare con precisione i danni causati da questi insetti migranti.

“Il costo di 69 miliardi è sottovalutato per tre motivi”, spiega Franck Courchamp. “In primo luogo, perché ci sono specie migranti per le quali non ci sono studi, come il verme, ancora in grado di devastare oltre il 75% delle culture. Poi, perché ci sono alcuni costi difficili da valutare, come la perdita di biodiversità, o l’impatto sulla impollinazione delle colture. E, infine, perché la maggior parte studi economici sono fatti negli Stati Uniti, molto pochi in Europa, quasi nessuno in Asia o in Africa.”

Per mancanza di dati, lo studio pertanto si è concentrata studio sulle dieci specie di ‘migranti’ più dannose. “Ognuno di loro genera più di un miliardo di euro di danni ogni anno”, dice l’ecologo.

La termite di Formosa è uno dei più distruttivi.
Questo piccolo insetto, che attacca tutte le strutture in legno, costa da solo più di 26,7 miliardi di euro all’anno. “Ci sono i costi del materiale di riparazione, ma anche i costi di trattamento preventivo, assicurazione, o immobili che perdono valore a causa di un campo affetto da termiti”, ha scritto Franck Courchamp.

Al secondo posto in questa classifica, i ricercatori hanno collocato il Cavolo Falena
, presente in tutta Europa, Asia e America. Distruggendo tutti i tipi di cavoli, broccoli, ravanelli, crescione, costa 4,1 miliardi ogni anno.

Poi arrivano il Cerambycidae – un parassita delle foreste che depone le uova nella corteccia del pino – con un costo di 4 miliardi di euro all’anno in Canada, e Gypsy Moth – un bruco che infesta il Nord America, Europa occidentale e Nord Africa – con un costo di 2,8 miliardi di euro all’anno (per il Nord America), e il coleottero Longhorn asiatico, con un costo di 2,7 miliardi di euro all’anno in Nord America e in Europa.

Non lo saprete. Ma gli insetti divorano il 40% della produzione agricola. E sarà sempre peggio, perché l’uso degli insetticidi li ha resi ‘resistenti’. “L’equivalente potrebbe sfamare un miliardo di persone”, ha detto Franck Courchamp. Cina e Stati Uniti presentano il rischio più grande da questa minaccia.

Sulla salute, il costo totale attribuibile agli insetti invasivi supera i 6,1 miliardi di euro all’anno. Tra le malattie più pesanti finanziariamente, abbiamo la Dengue (febbre gialla – zanzare e zanzara tigre), che conta per il 84% del totale.

Tali costi non comprendono la malaria, la stragrande maggioranza delle spese non sono a causa di un insetto importato, ma locale. La recente epidemia di virus Zika non è stata inclusa perché troppo recente per essere vagliata.

Regioni del mondo con le più grandi spese mediche sono rispettivamente Asia (2,55 miliardi di euro l’anno), America del Nord (1,85 miliardi) e l’intera America Centrale e del Sud (1,66 miliardi). Ma queste valutazioni escludono l’impatto economico sulla produttività, le entrate, il turismo, fornitura di sangue, la protezione individuale e la qualità della vita.

Con il riscaldamento globale – causato come sappiamo dall’attività solare e non dall’uomo – l’impatto degli insetti invasivi, già colossale, potrebbe aumentare: “Gli insetti sono animali a sangue freddo che non possono adattarsi alle temperature. Ma con il clima più caldo, migreranno più a nord”, ha detto Franck Courchamp.

Di fronte a questa minaccia, il team di ricerca raccomanda una maggiore vigilanza e lo sviluppo di procedure di risposta all’invasione biologica degli insetti migranti: “Se una specie è introdotta, è poi estremamente costoso debellarla. E’ meglio rafforzare la prevenzione, il monitoraggio delle specie che potrebbero entrare e poi “sfuggire” colonizzando l’Europa, è forte soprattutto in Francia, dove il movimento di merci e persone dai territori d’oltremare è elevato”, sottolinea il ricercatore.

Secondo il ricercatore, è anche urgente aumentare la ricerca su questi insetti invasori, ancora troppo poco conosciuti. “E’ difficile lottare contro ciò che non conosciamo. Noi non sappiamo nemmeno quante ce ne sono di specie sulla Terra. La nostra stima è compresa tra 5 e 100 milioni.”

Gli insetti migranti sono dannosi all’ecosistema. Meglio non farli entrare, perché debellarli dopo è costoso, dice il ricercatore. Sostituite ‘insetti’ con clandestini o come li definiscono ora ‘profughi’.



Lascia un commento