Autogol di Totti: non è un fotomontaggio

Condividi!

PATETICA MARCHETTA PUBBLICITARIA DA PARTE DI UNA DISCRETA MANICA DI PRIVILEGIATI, MOLTI DEI QUALI PRESENTI NEI PANAMA PAPERS

NEURONI IN FUGA DISPERATA
NEURONI IN FUGA DISPERATA

E’ il senso reale di un demenziale videomessaggio realizzato dalla famigerata Unhcr nell’ambito di una nuova campagna a spese dei contribuenti, al quale hanno partecipato oltre 60 cosiddetta celebrità di tutto il mondo, da Cate Blanchett a Khaled Hosseini, da Francesco Totti a Mika, da Andrea Camilleri a Ben Stiller. Insieme non ne fanno uno decente. Totti, come sempre, ragiona coi piedi.

La campagna #WithRefugees, sottolinea l’Unhcr, viene lanciata in un momento caratterizzato del drammatico aumento del numero di persone in fuga a causa di conflitti e persecuzioni da un lato, e di un’accresciuta retorica anti-rifugiati e maggiori restrizioni sull’asilo, dall’altro. La petizione sarà presentata in occasione dell’Assemblea Generale dell’Onu di settembre, in cui verrà affrontato il tema della risposta comune ai grandi flussi di rifugiati e migranti.

Quanti clandestini ospitano questi 60 marchettari? Gli stessi di Bergoglio: ‘0’.

Se uno come Totti, gran giocatore, che non brilla per comprendere molto a fondo la realtà che lo circonda, ti consiglia di accogliere sedicenti profughi, la cosa più intelligente da fare è il contrario.




Lascia un commento