Violenti senzaconfini esigono liberazione colleghi arrestati

Condividi!

Dopo le violenze di ieri al Brennero, i fancazzisti ‘senza confini’ hanno inscenato una manifestazione di protesta davanti al carcere di Bolzano per chiedere la liberazione dei loro colleghi fermati durante gli assalti.

I gggiovani si sono radunati attorno alle mura dell’istituto di detenzione scandendo slogan contro le forze dell’ordine.

Interessante la dichiarazione del ministro dell’Interno a tempo perso, Angelina Alfano: “Ieri alcuni teppisti hanno complicato la situazione invece di migliorarla. Non ce la faranno a rovinare il nostro lavoro. Fanno finta di protestare perché non vogliono le frontiere e invece sono teppisti che rovinano il lavoro di chi come noi, ogni giorno, si impegna concretamente per evitare che quei muri si costruiscano” ha spiegato.

Come dire: la pensiamo allo stesso modo, non fate vedere quanto siamo violenti, sennò complicate lo smantellamento dei confini.




Lascia un commento