Genova: sindaco ‘legalizza’ campo nomadi abusivo

Condividi!

La maggioranza di centrosinistra, che sostiene il sindaco Doria, non vuole cacciare via gli zingari da Genova, ma vuole solo rivedere il regolamento comunale per i vari campi nomadi. In futuro, dovrebbero essere costretti a pagare le bollette di gas e luce, ossia quelle spese finora a carico del Comune.

Oggi in Sala Rossa è stata discussa una mozione su popolazioni rom, sinti e caminanti presenti sul territorio del Municipio V Valpolcevera, presentata da Simone Farello e Cristina Lodi (entrambi Pd), che impegna sindaco e Giunta a: “redigere un nuovo regolamento del campo autorizzato sinti di via N.S. della Guardia e di sottoporlo al consiglio comunale; riconvocare il comitato di gestione per concordare con la comunità sinti le modalità di pagamento delle utenze, in attesa della stesura del regolamento e lo spostamento del campo a seguito dei lavori della Gronda; affrontare in tempi brevi e con le stesse modalità utilizzate in salita Acquamarsa e in passo Torbella, il problema del campo abusivo di via Bruzzo”.

La mozione è stata approvata con 16 voti a favore della maggioranza, 8 contrari (M5s, Fds, Grillo del Pdl) e 7 astenuti (Pdl, Lega Nord, Udc, Anzalone, Baroni e Mazzei del gruppo misto).




Lascia un commento