Nigeriano preso per stupro studentessa italiana: nel 2011 arrestato ma non espulso

Condividi!

La già tragica vicenda della ragazza italiana segregata e violentata da nigeriani:

Assume connotati paradossali, che però bene evidenziano la situazione di totale impunità e degrado legale nel quale versa la nostra Italia, a causa di un manipolo di criminali assurti a ruoli politici.

Uno dei nigeriani che ha rapita e violentata la giovane studentessa è:

  • AGBAI Cross, nato a Okhuodua (NIGERIA) il 01.01.1981, residente a Caltanissetta in via XX Settembre, disoccupato, regolarmente soggiornante in Italia con permesso di soggiorno, pregiudicato per resistenza e lesioni a pubblico ufficiale, lesioni personali, danneggiamento.

Così lo descriveva il Fatto Nisseno, giornale locale, nel 2011, a seguito del suo ennesimo arresto per avere preso a sprangate un uomo.

AGBAI-CROSS-267x310

Come sia possibile che un nigeriano disoccupato sia regolarmente soggiornante. E che lo sia non ostante pregiudicato di lungo corso con una sfilza di reati commessi, è cosa che ci disgusta.

Ancora più vergognoso, che questo nigeriano pregiudicato fosse ancora in Italia quasi 5 anni dopo.  Per stuprare una povera studentessa italiana.

Lui e i suoi compari nigeriani l’hanno stuprata materialmente. Ma a tenerla ferma c’erano i nostri governanti. I nostri magistrati. E chi li va a raccattare in Libia.