STUDIO YALE: Basta mezza canna per avere effetti psicotici

Condividi!

Fumare cannabis induce effetti psicotici, simili a quelli presenti in persone con diagnosi di schizofrenia. Non è la prima ricerca ad evidenziarlo. Ma è la prima ricerca a scoprire una correlazione anche in un consumo minimo di cannabis.

Un team di scienziati della Yale School of Medicine ha scoperto il meccanismo con il quale questto avviene: il principio attivo della marijuana, il delta-9-tetraidrocannabinolo (delta-9-THC), aumenta l’attività neurale casuale, nota come il ‘rumore neurale’, nel cervello dei tossicodipendenti sani.

Secondo i risultati della ricerca degli scienziati di Yale, è sufficiente una dosa più o meno equivalente alla metà di una canna per provocare sintomi psicotici nel cervello di persone sane, aumentandone il ‘rumore neurale’.

I ricercatori hanno studiato gli effetti del delta-9-THC sull’attività elettrica del cervello in 24 soggetti umani, che hanno preso parte a uno studio di tre giorni.

Durante gli esperimenti, le ‘cavie’ hanno ricevuto due dosi di delta-9-THC per via endovenosa o un placebo.

Se confermato, il legame tra il rumore neurale e psicosi potrebbe far luce sulla biologia di alcuni dei sintomi associati alla schizofrenia.

Per il Dr. John Krystal, direttore di Biological Psychiatry, rivista in cui viene pubblicato lo studio, la ricerca segna una parte importante nel dibattito se la cannabis dovrebbe essere legalizzata o meno. O meno.

Ha detto: ‘Questo studio interessante suggerisce una comunanza tra gli effetti sul cervello del principale principio attivo della marijuana e i sintomi della schizofrenia. L’alterazione della funzione corticale causata dal delta-9-THC potrebbe essere alla base di alcuni degli effetti cognitivi della marijuana.
Non solo questo strumento di ricerca aumenta la nostra comprensione dei processi sottostanti la psicosi, ma sottolinea una preoccupazione importante nel dibattito sull’accesso medico e legalizzato della marijuana.’

Poi voti PD.




Lascia un commento