Padova, ‘profughi’ occupano questura: “Non vogliamo andare in campagna”

Condividi!

Questa notte un gruppo di sedicenti profughi – tutti africani da paesi come il Ghana – ha occupato il piazzale davanti alla questura in segno di protesta: non accettavano la collocazione in una struttura situata in provincia, avrebbero voluto rimanere in città. Si erano così bene inseriti nell’ambito dello spaccio locale..

Sulla questione si è espresso questa mattina anche il presunto prefetto, la ‘famosa’ Patrizia Impresa: “A fronte delle barricate poste dalle amministrazioni locali che non accettano l’arrivo di nuovi profughi, molti privati invece decidono di mettere a disposizione le loro abitazioni per accogliere gli stranieri. Al momento sono oltre 15 le abitazioni messe a disposizione della cittadinanza, stiamo valutando tutte le opportunità e stiamo rispettando i protocolli e agendo secondo la legge”.

Non sono ‘privati’, sono collaborazionisti. Quindici speculatori che incassano centinaia di euro al giorno dei nostri soldi voltando le spalle alla loro terra. Come il prefetto, lautamente stipendiata per smistare africani a Padova.




Lascia un commento