Vegetariani attenti: la soia ‘uccide’ gli spermatozoi

Condividi!

CONTIENE ‘ORMONI FEMMINILI’

Essere vegetariani e vegani danneggia la probabilità di avere figli. Secondo uno studio, gli uomini che non mangiano carne riducono in modo significativo il numero dei propri spermatozoi.

Anche se una dieta ricca di frutta e verdura protegge da molte malattie ed è in grado di prolungare la vita, sembra che, la totale assenza di carne, danneggi la fertilità.

I ricercatori della Loma Linda University Medical School, nel sud della California, hanno intrapreso un progetto di quattro anni per scoprire come le diete influiscono sullo sperma.

La regione ha una elevata popolazione di cristiani avventisti che credono che la carne sia impura, e così sono vegetariani.

Gli Avventisti del Settimo Giorno vivono una media di 10 anni in più rispetto alla speranza di vita americana di circa 79 anni, i ricercatori volevano scoprire se la loro longevità sorprendente fosse legata alla qualità dello sperma.

Ma hanno invece scoperta una correlazione inversa. Vegetariani e vegani avevano un numero di spermatozoi significativamente più basso rispetto a chi mangia carne, di 50 milioni di spermatozoi per ml rispetto a 70 milioni per ml.

Avevano anche una più bassa mobilità degli spermatozoi – il numero di spermatozoi che sono attivi. Solo un terzo degli spermatozoi erano attivi per vegetariani e vegani rispetto a quasi il 60 per cento per i ‘carnivori’.

Il team ritiene che le carenze vitaminiche possono essere la colpa, ma credono anche che la sostituzione della carne con la soia potrebbe essere responsabile.

“Anche se queste persone non sono sterili, rischia di essere un fattore importante nella concezione, in particolare per le coppie che stanno cercando di concepire naturalmente. ”

Un fattore potrebbe essere una dieta ricca di soia. La soia contiene fitoestrogeni che hanno proprietà simili all’ormone femminile estrogeno.

“La teoria che abbiamo messo a punto è che i vegetariani stanno sostituendo la carne con la soia, che contiene phytooestrogens e potrebbe compromettere la fertilità”, ha aggiunto il dottor Orzylowska.

“Per i bambini che sono cresciuti con questo tipo di dieta, potrebbe aver influito sulla qualità dello sperma dalla pubertà.
“E ‘difficile dire alla gente di non essere vegetariani quando stanno cercando di concepire, ma vorrei mettere in guardia contro l’uso di soia, almeno per 74 giorni di anticipo, che è il tempo necessario agli spermatozoi per essere sostituiti.”

Una ricerca separata dalla Harvard University ha anche scoperto che una dieta troppo ricca di frutta e verdura può avere un impatto sulla fertilità, per le elevate quantità di pesticidi.

Jorge Chavarro dell’Università di Harvard: “C’è stato un grande interesse sul fatto che i pesticidi possano influenzare la fertilità in generale.

“Vi è qualche evidenza che sia l’esposizione professionale che quella ambientale possono avere un impatto negativo sulla fertilità maschile.

“Da un lato, la frutta e la verdura possono avere un effetto positivo sulla fertilità, soprattutto frutta molto alta di antiossidanti.”

Gli alimenti considerati ad alto contenuto di pesticidi includono il sedano. Quelli considerati a basso contenuto includono l’avocado.

Entrambi gli studi saranno presentati durante un convegno dell’American Society of Reproductive Medicine.




Lascia un commento