Livorno: la mini-baraccopoli dei sedicenti profughi

Condividi!

In un servizio del 4 Gennaio 2012 abbiamo fotosegnalato la situazione di gravissimo degrado che esiste sotto il ponte di Santa Trinita’ ridotto a centro ( provvisorio ) raccolta profughi delle sedicenti primavere arabe….
Scatoloni di cartone, rifiuti, escrementi umani ed animali dappertutto e soprattutto un tanfo infernale di urina che rende impercorribile la zona e quindi lo stesso parcheggio adiacente, frequentato dai turisti che si devono imbarcare con auto e camper per le isole ma anche dai croceristi che sbarcano dalle grandi navi. E’ sinceramente una vergogna, come vergognoso e’ il degrado di tutta questa zona del quartiere Venezia, che potrebbe essere un volano per il turismo a Livorno, ma che invece non lo e’, perche’ del turismo , del decoro urbano a questa classe politica che da decenni malgoverna la citta’ non interessa nulla del decoro urbano e del rilancio turistico ed economico di Livorno. Si persegue un fallimentare modello di sviluppo che sta portando la citta’ al fallimento economico, modello fallimentare costituito da speculazione immobiliare vedi Porta a Mare e progetto del Nuovo Ospedale , utile a precisi gruppi imprenditoriali e non utile invece  a Livorno ed ai Livornesi.
OSSERVATORE LABRONICO


Fonte: Il Monitore Toscano




Lascia un commento