ONG, INTERCETTAZIONE INCASTRA PRETE VATICANO: “SEGNALAVA ARRIVO BARCONI”

Agli atti risulta che la leader del team della Iuventa, Katrin, e un ragazzo, intercettati in mezzo al mare “parlano del previsto inizio missione per la mezzanotte del giorno successivo”. Insomma, sapevano con 24 ore di anticipo dell’arrivo di un barcone. Questo è un vero e proprio coordinamento sistematico con gli scafisti libici per il quale la Procura di Trapani sta cercando eventuali contatti telefonici con il personale della nave.

Dell’ong tedesca parlano tra di loro, intercettati, anche i componenti della ditta di security che opera a bordo della Vos Hestia, la nave di Save the Children, e parlano di una sorta di chat su Whattsapp tra i responsabili delle navi umanitarie su cui arriverebbero le segnalazioni dei barconi da soccorrere. Una chat sulla quale, sempre secondo i due operatori della security, sarebbero spesso arrivati i messaggi del sacerdote eritreo Don Mussie Zerai. Il prete eritreo accusato ormai da diversi anni da Vox di essere al centro del traffico dei clandestini eritrei:

Dietro l’ondata di clandestini? Un prete in Vaticano

Non è strano che da qualche tempo il Vaticano abbia gentilmente spostato fuori dall’Italia Don Zerai, in Svizzera, dove, a quanto sempre, ha continuato a gestire il traffico. Ovviamente umanitario. Tra l’altro gli Eritrei sono tutti islamici.

Dalle intercettazioni dei due operatori di Save the children, emerge anche l’entità dei lauti compensi: “Eh sì – dice uno di loro – cioè uno che fa il volontario che si piglia 10mila euro…”. E ancora: “Tipo quelli là, quelli erano banditi del mare, non soccorritori. Hanno fatto più morti loro che loro da soli coi gommoni”.

VERIFICA LA NOTIZIA
E poi, c’è l’episodio del 26 giugno: sull’albero di poppa della nave viene issata la bandiera libica. Con un’altra intercettazione di una donna della Iuventa che dice che non intende consegnare “alla polizia materiale video fotografico relativo ai soccorsi e immagine di soggetti che conducono imbarcazioni di migranti in quanto potrebbero essere arrestati”, in sostanza proteggevano gli scafisti. Colleghi.

Insomma, quello che si evince è un sistema che copriva tutto il business. Responsabili delle Ong che si ritrovavano in chat riservate con i collegamenti degli scafisti, tra i quali boss del Vaticano, e ricevevano notizia dell’ora e della zona dell’arrivo dei barconi. Ecco che non sorprendono situazione simili:

PESCHERECCI LIBICI VERSO NAVI ONG, COSA TRASPORTANO?



Lascia un commento