Paladina ‘femminicidio’ tenta di investire ex-fidanzato: stalking

Condividi!

Rosaria Aprea, la miss picchiata – ma a questo punto ci andremmo con i piedi di piombo (non su di lei) – dall’ex convivente, poi condannato, nei giorni scorsi è stata denunciata per stalking da un altro ex, padre di suo figlio.

Dopo la denuncia, il Gip del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere ha emesso a carico della Aprea la misura del divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dall’uomo.

La miss, secondo quanto denunciato, ha tentato di investire con l’auto l’ex, poi finito in ospedale e dimesso dopo le cure. Aprea annuncia “il silenzio stampa fino al Riesame che si terrà venerdì, dopo racconterò tutta la mia verità”.

Aprea divenne nota nel maggio del 2013 dopo essere stata pestata per gelosia dall’ex fidanzato Antonio Caliendo, che, secondo la sua denuncia, la colpì con un calcio provocandole la rottura della milza. Calcio che la catapultò in tv sull’onda della propaganda sull’inesistente fenomeno del ‘femminicidio’ – da allora scomparso dopo i soldi arrivati alle associazioni boldrinesche – poi testimonial della lotta contro la violenza di genere, partecipando nel 2014 a Miss Italia dove le fu assegnata la fascia di Miss Coraggio.

Un’altra che ha fatto carriera sul ‘femminicidio’.




Lascia un commento