Ungheria: esercito arriva a frontiere, potrà sparare ai clandestini

Condividi!

Oltre 3.800 soldati sono arrivati ​​al confine ungherese con la Serbia questa mattina per fornire sostegno alle guardie di frontiera.

Intanto, i detenuti sono impegnati a costruire 10km di barriera difensiva ogni giorno.

Ma, sopratutto, nuovi poteri sono stati assegnati dal governo ungherese ai propri soldati per affrontare la crescente invasione di islamici, mentre crescono i timori che il paese potrebbe essere colpito da attacchi terroristici legati al flusso di clandestini.

I soldati che presidiano le frontiere avranno il diritto di utilizzare una serie di armi contro i clandestini/invasori.

Il potere di sparare pallottole di gomma entrerà in vigore la prossima settimana dopo l’approvazione del Parlamento la scorsa notte.

Sarà permesso ai soldati di usare proiettili di gomma, gas lacrimogeni e, in caso di attacco, armi che possono danneggiare il corpo umano.

Intanto, sulla barriera in costruzione, Istvan Simicsko, il ministro della Difesa dell’Ungheria, ha detto in televisione: «Ho promesso al Primo Ministro di accelerare questo processo e lavorerò giorno e notte per finire la barriera difensiva.”

L’Ungheria ha un governo. Per questo le élites finanziarie e mediatiche lo odiano tanto.




Lascia un commento