INDIA: TI PAGANO SE NON DEFECHI PER STRADA

Condividi!

Una rupia a chi, invece di farla per strada, usa i bagni pubblici. Lo ha deciso il Consiglio comunale di Ahmedabad, capoluogo del Gujarat, nell’India occidentale.

E’ un progetto ‘pilota’, per vedere se è possibile convincere gli indiani a non defecare e pisciare per strada, coinvolgera’ 67 bagni pubblici cittadini: chi li userà, mentre da noi paga, lì verrà pagato. Poi, ha spiegato il funzionario Bhavikk Joshi, l’esperimento verra’ esteso a tutti e 300 i bagni pubblici cittadini.

In un incontro del 2014, l’Ahmedabad Municipal Corporation (AMC), presieduta dal Commissario Comunale Guruprasad Mohapatra insieme con le ONG, aveva rilevato che la città aveva bisogno di 80.000 servizi igienici per fermare la defecazione all’aperto.

“L’idea alla base del progetto e’ di impedire la defecazione in pubblico negli spazi cittadini dove le persone, pur disponendo di bagni pubblici, continuano a fare i loro bisogni all’aperto”, ha confermato il presidente della commissione permanente locale, Pravi Patel, assicurando che i trasgressori saranno “identificati e incoraggiati” all’uso delle toilette.

Si stima siano oltre 70mila i ‘defecatori’ all’aperto.

Lo scorso anno, il premier Anandiben Patel aveva stabilito in un ordine del giorno che ogni casa doveva avere un bagno. Il piano si è rivelato troppo ‘ambizioso’.

Poi vi meravigliate di quello che succede, al tempo dell’immigrazione, lungo le strade delle città italiane?




Lascia un commento