Migranti: gli hobbit indonesiani sterminati dall’Homo Sapiens

Se vi ricorda una politica ‘italiana’, è sicuramente colpa del vostro innato razzismo.

Un nuovo studio sui fossili smentisce le tesi precedenti, e svela la probabile origine dell’Homo Floresiensis, che non sarebbe una branca isolata di Erectus evolutasi in versione ‘nana’ per adattarsi alla scarsità di risorse del proprio ambiente isolato, ma discendente dello stesso ominide che in Africa ha dato origine all’Homo Abilis.

L’Homo Floresiensis, detto anche ‘hobbit’ per la sua caratteristica dimensione, era alto poco più di un metro e fino a circa 50mila anni fa abitava l’Isola di Flores, in Indonesia, dalla quale ha preso il nome. Come altre specie di ominidi, è probabile popolasse le vastità dell’Asia prima dell’arrivo dell’Erectus che lo avrebbe lentamente, ma inesorabilmente, confinato alla piccola isola oceanica, dove è sopravvissuto più a lungo grazie, si pensa, alla sua specializzazione.

Isola dove non sarebbe mai giunto l’Erectus, ma dove giunse, poi, il Sapiens, per sterminarlo. Dobbiamo ricordare che gli abitanti di quella zona dell’Asia conserverebbero, nel proprio DNA, una percentuale variabile di DNA dell’Homo Florensiensis, mentre è già confermata la presenza di DNA del Denisova, un’altra specie di ominide. Questo per dire che non solo siamo ‘razze diverse’, ma alcune razze, soprattutto in Africa, conservano ‘ricordi’ di incroci con specie non umane.

Alcuni antropologi avevano proposto la possibilità che si trattasse di Sapiens colpiti da qualche deformità o da sindrome di Down. Altri che si trattasse di una specie evolutasi nell’isola a partire dall’Homo Erectus, parallelamente a quanto avvenne per Homo Sapiens. A sgombrare i dubbi una volta per tutte arriva però un nuovo studio dell’Australian National University, che sulle pagine del Journal of Human Evolution chiarisce che la sua origine: almeno fino al prossimo studio.

Degli hobbit indonesiani, è bene precisarlo, sappiamo ancora poco. I resti rinvenuti permettono di ricostruire la presenza di questi piccoli ominidi (e dei loro progenitori) nell’isola di Flores in un periodo compreso tra i 700mila e i 50mila anni fa. Quando arrivo il Sapiens.

VERIFICA LA NOTIZIA
In questo arco temporale l’unico ominide noto nei territori dell’Asia era l’Homo erectus, e per questo una delle teorie più accreditate era quella che l’Homo floresiensis fosse un discendente di erectus adattatosi rapidamente al suo particolare ambiente attraverso un processo di nanismo insulare.

Se questa possibilità era suggerita da ricerche precedenti, che si erano concentrate principalmente sull’analisi del teschio e della mascella inferiore dei reperti di Homo flerensiensis, il nuovo studio, più ampio, tende a confermare quello accaduto in altre zone del globo: ominide ha sterminato ominide.



Lascia un commento