Gay esigono privilegi: non vogliono pagare il suolo pubblico

Vox
Condividi!

Gli organizzatori dell'”Abruzzo Pride” a Chieti hanno ricevuto un’ingiunzione di pagamento per l’occupazione del suolo pubblico. Non vogliono pagare perché avevano ricevuto il patrocinio e rassicurazioni precedenti dall’amministrazione del Partito Democratico e dagli uffici comunali¹. Questo ha causato un certo sconcerto tra gli organizzatori³: i gay non devono pagare come gli altri, altrimenti è discriminazione.

Vox

(1) Il comune Pd chiede il pagamento per il Pride: scoppia la polemica. https://www.msn.com/it-it/notizie/italia/il-comune-pd-chiede-il-pagamento-per-il-pride-scoppia-la-polemica/ar-BB1nRcbw.
(2) il Comune di Chieti per l Abruzzo Pride ci Chiede il Pagamento del …. https://www.virgilio.it/italia/chieti/notizielocali/_il_comune_di_chieti_per_l_abruzzo_pride_ci_chiede_il_pagamento_del_suolo_pubblico_lo_sconcerto_degli_organizzatori-73456398.html.
(3) Lo strano caso dell’Abruzzo Pride: quella tassa imposta al comitato organizzatore, nonostante il patrocinio del Comune di Chieti. https://www.gay.it/abruzzo-pride-e-la-tassa-imposta-al-comitato-organizzatore.
(4) Occupazione del suolo pubblico: maggiori incassi, lotta agli abusivi. https://www.ilcentro.it/chieti/occupazione-del-suolo-pubblico-maggiori-incassi-lotta-agli-abusivi-1.3247849.
(5) Occupazione suolo pubblico C’è la proroga per un anno. https://www.ilcentro.it/chieti/occupazione-suolo-pubblico-c-%C3%A8-la-proroga-per-un-anno-1.3242148.




Lascia un commento