Quando arriva l’imam le attiviste di sinistra si fanno chiudere in gabbia

Vox
Condividi!

Il caso del predicatore islamico all’università di Torino e delle studentesse in ‘gabbia’.

Foto choc: donne in ‘gabbia’ per la preghiera islamica all’Università di Torino

Vox

Durante l’evento, le donne erano separate dagli uomini da una rete, che è stata descritta come una forma di segregazione. Le donne erano relegate in un angolo, decentrate rispetto al predicatore, che non rivolgeva mai lo sguardo verso di loro, non le considerava mai nel suo sermone⁵. Questa pratica è stata criticata per la discriminazione di genere che implica⁴⁵.

Silenzio dalle studentesse, dalle associazioni femministe e dai movimenti che contestano e protestano a favore di Hamas.

E’ importante notare che queste pratiche rappresentano tutte le comunità islamiche.