Magistrato: «I minori che sbarcano pensano violentare sia lecito»

Vox
Condividi!

«I minori non accompagnati da anni ripeto che sono una bomba ad orologeria. Penseranno che l’Italia è un Paese dove è consentito tutto, anche toccare le donne, rubare e rapinare».

VERIFICA LA NOTIZIA

Negli ultimi anni abbiamo assistito a un’esplosione dei reati commessi da minori stranieri.

La ricerca di appartenenza e identità, spinge molti di questi piccoli invasori verso comportamenti criminali e sulla strada delle devianze giovanili. Ne ha parlato l’ex procuratore del tribunale dei minori di Milano, Ciro Cascone oggi avvocato generale della Repubblica della corte di appello di Bologna.

«I minori non accompagnati da anni ripeto che sono una bomba ad orologeria. La legge Zampa che riconosce i diritti ai minori accompagnati, non garantisce la loro presa in carico. Questi minori vengono messi su un barcone e mandati in un altro Paese a vivere […] Negli ultimi due-tre anni, c’è stata un’esplosione di reati commessi da loro, perché sono aumentati gli sbarchi. Al comune di Milano, ogni giorno, arrivano dai 20 ai 30 minori chiedono accoglienza».

«Penseranno che l’Italia è un Paese dove è consentito tutto, anche toccare le donne, rubare e rapinare. Vengono poi arrestati, pagano per i loro reati. Il problema è che le politiche sociali sono sempre peggiori, e dovrebbero prevenire i reati che commettono seguendoli. Noi abbiamo sempre valutato questi casi con serietà e durezza, ma serve prevenzione. Sono chiusi virtualmente in gabbie, pronti ad esplodere».

Vox

Sanno di essere non punibili. La legge Zampa, approvata il 29 marzo 2017, è una normativa che regola la tutela dei clandestini sedicenti minori stranieri non accompagnati (Msna) in Italia. Questa legge prevede un sistema di accoglienza obbligatorio con strutture dedicate. Inoltre, riafferma il principio di inespellibilità dei minori stranieri soli dal territorio italiano.

Basterebbe abrogarla e affidare il minore clandestino alle ambasciate. Nel caso dei 7 stupratori egiziani di Catania, ad esempio, sappiamo che erano in contatto coi genitori in Egitto: perché non rimandarli dai genitori? Quale sarebbe il diritto violato nel rimandarli a casa loro? Se un minore tedesco scappa in Italia, lo Stato italiano lo sequestra fino alla maggiore età?

E’ chiaro che si tratta di una legge tutta a favore del business accoglienza, visto che in media le coop incassano 100 euro per ogni scroccone presunto minore che viene sequestrato in Italia e la sua espulsione è vietata qualunque cosa faccia.

«Dopo 20 anni di giurisdizione minorile, posso dire che il fenomeno delle baby gang, in generale o meglio delle devianze nei giovani in gruppo, oltre ad essere molto diffuso, è in forte aumento. Questa minoranza di ragazzi deviati, anziché impegnarsi in attività costruttive come ballare, giocare o impiegare il tempo in attività costruttive, commette reati. C’è poi da precisare che non sono gruppi strutturati, e questo non significa che siano meno pericolosi. È una tendenza trasversale che incontriamo soprattutto in certe fasce sociali, dove esiste un disagio evidente, nelle grandi periferie».

Soluzione veramente semplice: abrogare ricongiungimenti familiari e Legge Zampa. Sparisce la bomba.