Protesta Cgil, Cassazione ordina Appello bis per imputati: “Condannati senza motivazioni”

Vox
Condividi!

# Appello Bis per Nove Imputati: Annullate le Sentenze della Corte di Appello di Roma

Roma, 24 Aprile 2024 – La Prima Sezione Penale della Cassazione ha annullato con rinvio le sentenze della Corte di Appello di Roma relative al processo con rito abbreviato per l’assalto alla sede della CGIL. L’evento è avvenuto durante la manifestazione “No Green Pass” del 9 ottobre 2021.

Vox

Gli imputati, nove in totale, erano stati condannati per devastazione. Tra questi figurano **Fabio Corradetti**, figlio della compagna di Giuliano Castellino, **Massimiliano Ursino**, leader palermitano di Forza Nuova, **Mirko Passerini** e **Claudio Toia**, appartenente al gruppo ultras juventino ‘Antichi valori’ e considerato dagli inquirenti vicino al movimento di estrema destra.

Le sentenze sono state annullate a causa di “carenze di motivazione di entrambe le sentenze in ordine alla ricostruzione dei fatti sotto il profilo del turbamento dell’ordine pubblico, oggetto giuridico della fattispecie”, come spiegato in una nota della Suprema Corte.

Questo annullamento rappresenta un importante sviluppo nel caso, che ora sarà riesaminato alla luce delle carenze evidenziate dalla Cassazione. Resta un punto: è stato un processo politico.




Un pensiero su “Protesta Cgil, Cassazione ordina Appello bis per imputati: “Condannati senza motivazioni””

  1. Al massimo possono essere condannati a risarcire i danni.Ma non credo abbiano aggredito qualcuno.
    Per il resto i compari della Salis hanno fatto di peggio,aggredendo fisicamente dei militanti o forse dei figuranti in costume.

I commenti sono chiusi.