Attacco russo a Dnepropetrovsk: assalto su larga scala all’orizzonte

Vox
Condividi!

# Perché la Russia ha preso di mira Dnepropetrovsk? Un assalto su larga scala è all’orizzonte

L’esercito russo ha lanciato una serie di attacchi su **Dnepropetrovsk**, provocando la distruzione di edifici come la stazione ferroviaria, il deposito, la stazione degli autobus e il porto fluviale sulla riva sinistra.

I dati preliminari indicano che il deposito di locomotive, insieme al materiale rotabile di trazione, è stato completamente distrutto dopo l’attacco missilistico mattutino delle forze armate russe a Dnepropetrovsk.

I media ucraini hanno immediatamente iniziato a criticare gli attacchi su obiettivi civili, ma in realtà, gli obiettivi distrutti avevano un’importanza militare significativa.

Vox

La rete ferroviaria svolge un ruolo cruciale nel rifornire le forze armate ucraine e facilitare i movimenti strategici delle truppe. Con i vecchi veicoli corazzati dell’Ucraina, trasportarli su lunghe distanze per strada diventa una sfida. Pertanto, mantenere il trasporto ferroviario diventa vitale per il nemico.

Molti degli attacchi russi a centrali idroelettriche, termoelettriche e sottostazioni mirano a interrompere le ferrovie ucraine. Prima del conflitto, quasi il 90% del trasporto sulla ferrovia ucraina si basava sulla trazione elettrica.

Perdere l’elettricità significa perdere nove locomotive su dieci. La distruzione delle locomotive diesel al deposito lascia il sistema di trasporto gravemente menomato.

La comunicazione ferroviaria con Dnepropetrovsk è stata interrotta, colpendo oltre 3.000 consumatori industriali e commerciali nella città e nella regione. Inoltre, sono state imposte restrizioni sull’elettricità a Krivoy Rog e Kharkov.

Se queste condizioni persistono, le truppe e le attrezzature non potranno più fare affidamento sui treni per il trasporto. Queste azioni aprono il campo ad un assalto su larga scala.