Soumahoro e i suoi fratelli infiltrati per distruggerci

Vox
Condividi!

In un’Europa sempre più compromessa dall’immigrazione, le questioni di politica, religione e società si intrecciano in modi complessi e controversi. In questi giorni, due eventi hanno sollevato interrogativi sulla natura di questi intrecci e sulle loro implicazioni per la società.

## Il Caso Soumahoro

In Italia, un politico africano, Soumahoro, è stato ripescato nonostante fosse stato respinto dagli elettori a favore di un candidato italiano di destra in un collegio tradizionalmente di sinistra. Soumahoro ha recentemente presentato una proposta di legge che, se approvata, potrebbe avere ripercussioni drammatiche sulla società italiana.

La proposta di Soumahoro è quella di riconoscere la fine del Ramadan, una festa religiosa musulmana, come una festività civile in Italia. Questa mossa ha suscitato preoccupazioni tra alcuni settori della società, che vedono in essa un tentativo di imporre la Sharia, la legge islamica, in Italia. Queste preoccupazioni sono alimentate dal fatto che in Europa i politici islamici usano i ruoli di potere raggiungi per impedire ai politici anti-immigrazione di riunirsi.

Vox

## Il Caso della NatCon in Belgio

Parallelamente, in Belgio, la polizia ha impedito lo svolgimento della NatCon, la Conferenza Nazionale dei Conservatori. L’ordine è arrivato direttamente dal sindaco islamico di Saint-Josse-ten-Noode, un comune di Bruxelles, dove avrebbe dovuto svolgersi l’evento.

Il motivo ufficiale fornito per l’interruzione dell’evento è il rischio di “disordini pubblici”. Tuttavia, il sindaco Emir Kir, noto islamista turco, ha rilasciato una dichiarazione sui suoi profili social in cui parla dell’orientamento politico del meeting, suggerendo che la decisione potrebbe essere stata influenzata da considerazioni politiche piuttosto che da preoccupazioni per la sicurezza pubblica.

## Conclusioni

Questi eventi sono il segno di un’invasione silenziosa, in cui le popolazioni straniere entrano in un paese, acquisiscono la cittadinanza e poi cercano di cambiare la società secondo le loro credenze e valori.