Ristoratore non trova camerieri e assume due robot invece di immigrati

Vox
Condividi!

# Robot al servizio: una soluzione innovativa per i ristoranti invece dell’assunzione dei soliti immigrati. Non solo: se avessimo una carenza di manodopera, invece di rifornire sedicenti imprenditori di immigrati a basso costo, allora gli investimenti in robotica in Italia consentirebbero la nascita di un mercato interno, creando posti di lavoro di qualità.

**Mario Parlato**, patron del ristorante “La terrazza delle Sirene” del panoramicissimo Circolo dei Forestieri, a Sorrento, ha trovato una soluzione innovativa alla costante ricerca di camerieri: ha ‘assunto’ due robot per servire i suoi clienti.

Vox

Parlato racconta che durante i colloqui di lavoro, molti candidati sembravano più interessati ai fine settimana liberi che al servizio. Tuttavia, il settore della ristorazione richiede un impegno particolare durante le vacanze e i giorni festivi, quando la maggior parte delle persone è libera e la domanda di servizi di ristorazione aumenta.

Di fronte a questa sfida, Parlato ha preso una decisione rivoluzionaria: ha assunto due robot come camerieri. Questi robot, a differenza dei camerieri umani, non hanno pretese di giorni di riposo o di vacanze. Possono lavorare ininterrottamente, soddisfacendo la domanda di servizi di ristorazione anche nei periodi più intensi.

La notizia dei camerieri-robot ha fatto rapidamente il giro della Costiera, attirando l’attenzione di molti. Questo esempio evidenzia come la tecnologia stia cambiando il modo in cui operano le imprese. L’uso di robot come camerieri può sembrare futuristico, ma è una soluzione pratica e innovativa per affrontare la sfida della mancanza di personale nel settore della ristorazione.




3 pensieri su “Ristoratore non trova camerieri e assume due robot invece di immigrati”

  1. In Giappone si fa da tempo, ma i giapponesi sono mediamente molto rispettosi.
    Qui, non ultimo a causa dei soliti noti, sta salendo vertiginosamente l’imbarbarimento della società, con crollo del qi soprattutto tra i giovani. Facile immaginare che robot inermi, droni che trasportano cose, ecc. sarebbero predati, danneggiati e distrutti, per puro divertimento dai soliti, e dagli italioti che si stanno ‘integrando’ ai loro costumi.
    Se Amazon o altri vorranno usare droni per il trasporto delle merci, dovranno essere belli corazzati, e in grado di scoraggiare la teppa.

  2. Molto bene.Niente salario,niente straordinario,niente riposi settimanali nessun sciopero e proteste.Ma soprattutto niente F 24.E dulcis in fondo niente negri e razze subumane a servire ai tavoli gli italiani….Speriamo che l’iniziativa prenda campo.

    1. L’automazione ci sta nel campo della ristorazione.
      È fisiologico e deve essere un diritto il fatto che un lavoro soddisfi e lo si svolga con passione.
      Una volta il lavoro di cameriere in un caffè poteva essere anche gratificante,soprattutto nei luoghi turistici dove il cameriere scambiava due chiacchiere con gente mediamente colta da tutto il mondo,poteva soddisfare le sue curiosità e allargare i propri orizzonti.Una volta poi la gente era più socievole e semplice,ma oggi come oggi,quasi sempre il contatto umano sembra sempre poco gradevole.
      Si vive come monadi,la gente pare non voler perdere tempo e un cameriere non si azzarderebbe minimamente a fare due chiacchiere coi clienti ormai più intenti ad armeggiare con un telefono ed ad attendere la loro vivanda.

I commenti sono chiusi.