Esercito italiano vuole arruolare milizie islamiche come la Francia

Vox
Condividi!

Estremismo in Belgio

A Heusden-Zolter, in Belgio, al calar della notte, squadre di giovani miliziani islamici, completamente vestiti di nero e armati, installano barricate filtranti e controllano i passeggeri dei veicoli. I Lupi grigi dettano legge: sono la legge. A Gand, un gruppo si è battezzato GÖH o “Forze speciali di Gand” in turco, riprendendo così i codici delle unità d’élite della polizia antiterrorismo turca dispiegata nelle regioni del Kurdistan.

Sicurezza per le Olimpiadi di Parigi

In Francia, in vista delle Olimpiadi estive di Parigi, il ministro dell’Interno francese Gérald Darmanin ha annunciato che circa 800 agenti addetti alla sicurezza sono stati esclusi. Tra di loro, 15 persone erano già state classificate come “minaccia per la sicurezza nazionale”. Darmanin ha sottolineato che tra gli 800 esclusi vi erano islamisti.

Vox

La Francia, di fatto, ha difficoltà ad arruolare un numero sufficiente di militari addetti alla sicurezza perché il proprio esercito e le proprie forze di polizia sono ormai infiltrate da estremisti islamici diventati francesi perché nati in Francia o perché figli o nipoti di immigrati islamici nati in Francia.

Darmanin ha reso nota l’esclusione di 102 agenti privati nella lista “S”. Ha inoltre evidenziato che “Abbiamo ancora 800 mila persone da controllare”. E lui chi lo controlla?

L’Esercito di Crosetto

In tutto questo, l’Esercito di Crosetto vuole arruolare e armare i migranti islamici. Immaginate africani e islamici in divisa e armi nei vostri quartieri per ‘difendervi’. Immaginate non potervi fidare dei vostri stessi soldati perché la loro fedeltà è prima ad Allah. Che vi considerano infedeli. Per i quali siete stranieri come loro lo sono per voi.