Lapideranno le donne: “Italia sarà uno Stato islamico”

Vox
Condividi!

Solo qualche anno fa l’idea di una scuola chiusa per Ramadan sarebbe stata fantascienza: oggi è realtà. Di questo passo, quello che oggi appare fantascienza, sarà realtà tra pochi anni.

Diranno che è la loro cultura e che l’integrazione passa dall’accettazione delle loro tradizioni. Se oggi vietano ai vostri figli la merenda a scuola durante il ramadan, vi stupireste se tra dieci anni organizzassero lapidazioni in sala mensa?

# L’ombra della Sharia in Italia: una preoccupazione crescente

Recentemente, sono emerse preoccupazioni riguardo l’uso del niqab, il velo integrale islamico, nelle città italiane. Questo indumento, che copre completamente il corpo e il viso delle donne, viene presentato come un precetto divino. Questa pratica simboleggia l’adozione della sharia, la legge coranica, alimentando timori di un’islamizzazione dell’Italia.

Le moschee di Centocelle a Roma, di Varese e di viale Jenner a Milano sono state citate come luoghi in cui questa islamizzazione viene predicata in modo più militante. L’ex imam di quest’ultima moschea, Abu Imad, aveva dichiarato apertamente che la democrazia italiana è utile alla comunità musulmana.

Vox

**La dichiarazione più inquietante di Abu Imad è stata la seguente: “E allora l’Italia diventerà uno Stato islamico”. Questa affermazione, poi ripetuta in questi anni da molti altri suoi colleghi solleva preoccupazioni significative sulla possibile islamizzazione dell’Italia.**

Abu Imad, a suo tempo, come poi altri suoi colleghi, aveva anche espresso una preferenza politica per la sinistra, sostenendo che dove la sinistra è forte, come in Emilia, la comunità musulmana sta meglio. Tuttavia, aveva espresso rammarico per il fatto che la sinistra in Lombardia non sia altrettanto forte.

Sorprendentemente, Abu Imad, come attualmente il suo collega di Monfalcone, vedeva la Costituzione italiana come un’arma vincente per gli estremisti islamici. Sostiene che un compromesso tra le convinzioni religiose islamiche e la democrazia sia possibile, poiché la Costituzione italiana garantisce la libertà di culto. Perciò, secondo lui, una legge che impedisce a una donna musulmana di portare il niqab sarebbe anticostituzionale.

Queste dichiarazioni degli imam sollevano preoccupazioni riguardo l’utilizzo della nostra libertà di culto e dei cosiddetti diritti umani in Italia per conquistarci. Quando saranno abbastanza voteranno i loro imam in Parlamento. Gli stessi che oggi predicano la nostra sostituzione.

Abrogare i ricongiungimenti familiari e azzerare l’immigrazione islamica regolare.




6 pensieri su “Lapideranno le donne: “Italia sarà uno Stato islamico””

  1. ://www.dire.it/29-03-2024/1026361-ad-aprile-giura-il-presidente-del-senegal-tuteli-il-diritto-a-emigrare-e-i-sogni-dei-giovani/

    Intanto, in Senegal, le ong ‘italiane’, gestite da immigrati (come meravigliarsi, previdi tutto già decenni fa, che, con lo stabilizzarsi degli immigrati, sarebbero stati loro stessi ad aiutare i loro connazionali ad arrivare), fanno pressioni sul neo eletto presidente per il ‘diritto’ a emigrare (in Europa naturalmente).

    1. la sola consolazione derivante dalla islamizzazione dell’Italia sarà che quando gli islamici avranno il potere, stermineranno i CATTO-COMUNISTI
      fifo-islamici che li avevano favoreggiati …

      1. “stermineranno i CATTO-COMUNISTI”

        Beh.. senza questa feccia di traditori, poi si potranno utilizzare lancia fiamme e artiglieria varia per fare piazza pulita degli invasori

I commenti sono chiusi.