Pordenone, bande di ragazzini tengono in ostaggio i negozi

Vox
Condividi!

Da Lampedusa con furore. Ringraziate la Legge Zampa e Piantedosi che li sparpaglia in tutta Italia. Ringraziate anche i ricongiungimenti familiari che non vengono aboliti.

VERIFICA LA NOTIZIA

A Pordenone, una banda di ragazzini sta causando seri problemi ai negozi locali. I clienti sono minacciati e spaventati. I commercianti di via Mazzini, in una lettera firmata, denunciano il problema delle bande di ragazzini che ormai spaventano la zona.

Vox

I clienti, come spiegano i sei commercianti, raccontano di essere stati minacciati per una sigaretta, di aver ricevuto richieste insistenti per l’elemosina, perfino di essere stati spinti dai soliti soggetti che frequentano le panchine della strada in questione. Nonostante la presenza di pattuglie delle Forze dell’Ordine, il problema persiste e le bande giovanili continuano a vagare.

Per questo motivo, i commercianti chiedono un impianto di sorveglianza concentrato soprattutto su due punti caldi: il bar Calice d’oro e l’ingresso del parco Querini che si affaccia su via Mazzini. Come affermano i commercianti: “Non vogliamo di più”.




Un pensiero su “Pordenone, bande di ragazzini tengono in ostaggio i negozi”

  1. Ma scusate
    dove sono stati questi commercianti, negli ultimi 40 anni
    quando la Lega ed il partito unico,
    li inondava di fascisti
    provenienti dai paesi arabi ed africani?

I commenti sono chiusi.